Home » Attualità » 5G strumento di controllo sociale

5G strumento di controllo sociale

Il 5G sta per arrivare e a quanto pare viene sempre più considerato come uno strumento di controllo sociale. Non sono mancate anche tante fake news in merito, ma molti studiosi ritengono che le reti di questa “Super connessione”, come è stata chiamata, potrebbero causare molti danni.

5G: una rete anche fin troppo potente

Il 5G è la nuova rete di connessione stabilita per telefoni cellulari e per qualsiasi dispositivo si possa connettere ad Internet. Sta per soppiantare il 4G. Questo significa che ben presto, tutti i dispositivi che ammettono solo un tipo di collegamento alla rete 3G scompariranno e non potranno più essere utilizzati. Il problema è che per far funzionare il 5G, come hanno dichiarato diversi studiosi, a quanto pare si dovranno installare numerosi elementi artificiali in grado di trasmettere onde elettromagnetiche. Queste, oltre al fatto che potrebbero persino fare male alla salute, potrebbero controllare le persone. Ciò vuol dire che la privacy dei cittadini sarà sempre più minacciata, proprio come accade già in diversi paesi.

La privacy minacciata

Sebbene il 5G sembrerebbe che possa senza dubbio migliorare la rete, la velocità della comunicazione, del segnale, tuttavia sembrerebbero essere più i “contro” che i “pro”. Insomma, a quanto pare le città che aderiranno al suo utilizzo, cosa a cui prima o poi dovranno sottostare diverse zone, nazioni e continenti, si ritroveranno ben presto circondate da una specie di telecamerine, piene di onde elettromagnetiche. In Cina già esistono i dispositivi di riconoscimento facciali per controllare chi prende parte e manifestazioni sociali. Il 5G rischia di danneggiare ancora di più la privacy ed inoltre rischia anche di fare danni alla salute, e pensare che già si parla di 6G e 7G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi