Home » Politica » Bologna dimentica l’Emergenza Climatica

Bologna dimentica l’Emergenza Climatica

Era il 2 ottobre del 2019 quando il consiglio comunale di Bologna ha dichiarato lo stato di emergenza climatica. Il provvedimento prevedeva il raggiungimento di emissioni 0 entro il 2030 ed il dimezzamento delle emissioni entro il 2025. Inoltre disincentivi per aziende inquinanti e rimboschimento. Assemblee cittadine per un coinvolgimento popolare nella macchina decisionale politica.

Cento giorni a partire dal 2 ottobre per elaborare un piano per realizzare tutti questi obiettivi ambiziosi proposti dalle organizzazioni ambientaliste locali, in particolare Extinction Rebellion.

Scaduti i cento giorni gli attivisti tornano a manifestare a Bologna insieme a comitati e collettivi per ricordare al Sindaco Merola e all’amministrazione comunale gli impegni presi.

Ad un mese dalla scadenza, al Consiglio Comunale del 10 febbraio, gli attivisti sono presenti con cartelli. La seduta viena sospesa e i capigruppo e l’assessore all’ambiente Orioli incontrano gli attivisti.

L’amministrazione comunale di Bologna ed il suo Sindaco Virginio Merola non mantengono gli impegni presi e non sanno dare risposte a riguardo. Prima adottano un provvedimento coraggioso e ambizioso e poi non preparano la Road Map, fondamentale per tracciare il percorso per raggiungere gli obiettivi.

Sembra che il tema dei cambiamenti climatici non interessino piú o che non si abbia abbastanza coraggio per tradurre un impegno in azioni concrete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi