Latest News

Home » Cultura » Comunicazione consumistica: chiunque è il nemico, genesi della differenza pensata come sottrazione del potere

Comunicazione consumistica: chiunque è il nemico, genesi della differenza pensata come sottrazione del potere

La violenza non è naturale, i gradi che differenziano isolando non sono naturali, la violenza agita in un contesto sociale centralizzato dove c’è un potere, è costruita a tavolino, da una cultura per far permanere quel potere.

Nel web spopola di fatto, quello che era un motto nazista, Goebbel disse: “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Prima la si vede per quello che è e rappresenta questa frase, prima si potrà lottare per estirpare questa presunzione che avvelena tutte e tutti.

Sui social gli insulti non sono un appendice, rappresentano invece la normalità e la volgarità viene pensata come libertà d’espressione ma la libertà per sussistere non solo non ha bisogno di prevaricare, ma è l’esatto opposto della prevaricazione altrimenti non può considerarsi libertà.

Ma i social non sono l’unico “canale” attraverso il quale si affermano e confermano le gerarchie, immagini cruente, violente, prevaricanti nei mass media mainstream abbondano, certo è logico per far credere che un unico modello di società sia possibile, deve divenire prassi quella di mostrarne uno solamente, sostanzialmente è un lavaggio del cervello continuativo che viene svolto da parte della cultura dominante, e l’aumento di audience è il premio da conquistare, premio che giunge anch’esso in maniera sistemica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi