Home » Dal Mondo » Egitto: regista morto in carcere, è giallo

Egitto: regista morto in carcere, è giallo

La morte di Shady Habash, che aveva solo 24 anni, è avvenuta in un carcere egiziano, nella stessa cella in cui era stato inserito 2 anni fa, solo per aver girato un video. Quest’ultimo però presentava un testo di una canzone rivolta contro il presidente Abdel Fatah al Sisi.

Il fatto

Si chiamava Shady Habash e aveva solo 24 anni. La sua morte è avvenuta nel carcere egiziano di Tora, che si trova nei pressi della capitale egiziana, Il Cairo. La prigione del giovane è la stessa in cui è ancora rinchiuso Patrick Zaky, che sta ancora aspettando il processo. Quello di Shady Habash invece non è mai arrivato per ben 2 anni e ora purtroppo il detenuto è morto. La sua colpa? Quella di aver girato un video, come tanti altri che ha svolto nella sua carriera di regista. Il problema del filmato in questione però riguardava la presenza di una canzone contro il presidente Abdel Fatah al Sisi. Va sottolineato che le parole del testo non erano state scritte da Habash e il cantante presente nel video era a sua volta stato arrestato e costretto a scontare ben 3 anni di carcere.

Le circostanze misteriose

Riguardo la vicenda è intervenuta anche Amnesty International, che ha sottolineato che in molti casi in cui un detenuto finisce nelle carceri, le condizioni in cui vive sono pessime, e soprattutto ha diritto ad un processo, cosa che non era stata svolta per Habash. Ora quest’ultimo è morto e non si sa nemmeno perché: forse è stato ucciso? Era malato? Nessuno lo sa, e la cosa preoccupante è che non gli è stato dato modo per rispondere alle accuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi