Home » Attualità » Emergenza Covid-19 e rischio aborto clandestino

Emergenza Covid-19 e rischio aborto clandestino

Con l’emergenza Coronavirus un’altra emergenza è passata in secondo piano, quella delle interruzioni di gravidanza volontarie, specie nelle regioni dove non è già disponibile l’accesso all’aborto farmacologico eseguibile con il farmaco RU – 486 denonimato pillola abortiva, che eviterebbe la necessità di ricovero di tre giorni nella struttura ospedaliera dove viene eseguito.
La Pandemia da Covid-19 ha inoltre creato difficoltà di accesso alle IVG negli ospedali delle regioni più colpite; la lista di attesa si fa più lunga, e le donne rischiano di andare fuori tempo massimo per poter avere accesso all’interruzione volontaria di gravidanza. Il rischio in questi casi e che si possa ritornare all’aborto clandestino del fai da te, eseguito con un ferro da calza o con una stampella di fil di ferro come quelle delle lavanderie. Per fortuna le “mammane” che eseguivano gli aborti clandestini con i più svariati metodi, in Italia non ci sono più, anche se ci sono ancora purtroppo ginecologi che nel sistema sanitario pubblico si dichiarano obiettori e poi nel privato, a pagamento, eseguono gli aborti. Ci sono anche, sul territorio nazionale, svariate pseudo “cliniche” gestite da cinesi dove si eseguono ancora interruzioni di gravidanza sempre a pagamento, per le loro connazionali, e chi sa con quali metodi.
Di questa incresciosa situazione tuttavia ci sono le associazioni dei “Provita” contente, perché per loro se una donna non può più abortire non lo fa e basta, senza pensare che invece quando una donna ha necessità di interrompere una gravidanza, lo farà con ogni mezzo, anche a costo di mettere in pericolo la sua stessa vita.
Quelli della mia generazione, che erano adolescenti negli anni settanta, ancora si ricordano di casi di cronaca in cui donne morivano per essere ricorse all’aborto clandestino, ma i giovani non ne hanno un’idea, per questo vi riporto in calce a questo articolo una testimonianza di quell’orrore che è l’aborto eseguito dalle mammane, trascrivendolo dal capitolo III del libro della ginecologa Rosetta Papa, previo suo consenso:
“La ragazza col piercing al naso” – Racconti di Donne a Sud della Salute –

“Giuseppina
(…) La prima volta non sapevo come muovermi e quindi la signora si spazientì perché le facevo perdere tempo. Fuori dalla porta c’erano altre due donne. Mi disse di stendermi sul tavolo e iniziò a toccarmi con le mani, invece dotorè, in ospedale il dottore teneva i guanti. Dopo poco cominciai a sentire un dolore sempre più forte, ma non aprivo gli occhi per paura di vedere. Sentivo solo che mi infilava qualcosa dentro e quando gridai forte perché mi sentivo scoppiare, solo allora mi disse:
– Mò te ne puoi andare, ma mi raccomando stanotte non dormire perché se perdi molto sangue e non te ne accorgi puoi morire nel sonno. Comunque qualsiasi cosa succede, non tornare qua. Se tutto va bene tra qualche giorno abortisci. – (…)”

Profilo Autore

Laura Fiore
Nasco a Napoli dove risiedo, nel 1969. Compio studi artistici; attualmente realizzo mostre della mia pittura per beneficenza. Sono sposata ed ho una figlia adolescente. Nel 2008 affronto un aborto terapeutico traumatico per la presenza di obiettori di coscienza, da cui pubblico quattro anni dopo, con la casa editrice Tempesta, il libro "Abortire tra gli obiettori", apro un blog con altre testimonianze e mi iscrivo ad un'associazione nazionale di donne per i nostri diritti. Sono agnostica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi