Latest News

Home » Comunicati » Fermiamo la corsa dei buoi di Chieuti

Fermiamo la corsa dei buoi di Chieuti

La corsa dei buoi di Chieuti
Ogni anno nel mese di aprile, a Chieuti in provincia di Foggia, durante lo svolgimento delle festività legate al santo patrono si svolge una corsa di carri guidata da buoi volta a decidere la contrada che nella processione del giorno successivo indosserà un cappellino colorato e porterà a spalla il simulacro di san Giorgio martire.

I buoi devono percorrere circa cinque chilometri, dalla campagna fino all’ingresso nel paese, trainando il loro carro e accompagnati da uomini della stessa squadra (o partito) a cavallo, armati di pertiche, che “incitano” i buoi per farli correre più veloci. In realtà la pertica altro non è che un lungo bastone di legno con in cima una punta metallica che ha lo scopo di pungere (e ferire) i buoi per farli correre e arrivare prima degli altri carri.

E’ una festa brutale che noi italiani contrari alla corsa dei tori di Pamplona e alle corride spagnole non possiamo lasciare che continui a ripetersi.

Video testimonianze
Vi proponiamo un paio di video della corsa per comprendere meglio di cosa si tratta. Nel primo abbiamo la testimonianza della caduta di un bue. Nel secondo vediamo la corsa sulla strada di campagna. Occhio ai pungoli o pertiche.

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/ml3a9Y17qso" width="425" height="344" allowfullscreen="true" fvars="fs=1" /]
[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/wL5i_HMkQL8" width="425" height="344" allowfullscreen="true" fvars="fs=1" /]

L’indagine del Tribunale di Lucera
Il GIP di Lucera (Giudice per le indagini preliminari) in seguito a denunce di associazioni animaliste pugliesi ha dichiarato che “A sostegno sono stati prodotti alcuni documenti filmati dai quali si evince chiaramente la sofferenza inferta agli animali durante la corsa,in particolare mediante l’uso di aste dotate di pungoli.” tuttavia non potendo riconoscere nei filmati i responsabili non si è proceduto contro alcuno.

Leggi per intero la sentenza del tribunale.

Cosa possiamo fare noi?
Inserire nei nostri siti e blog questo banner per portare avanti questa campagna informativa e far conoscere queste feste brutali agli italiani.
Se suscitiamo indignazione per queste corse possiamo fermarle.
Incollate il codice Html, sotto suggerito, nei vostri siti per diffondere la campagna. Si prega di mantenere il link a questa pagina per averla come punto di riferimento della campagna e per dare accesso alle informazioni sulla corsa a chi vede il banner sui nostri siti.

banner 234X60:

banner 120X60:

Si invitano i webmaster dei siti che aderiscono alla campagna a lasciare un commento con l’indirizzo del sito dove hanno inserito il banner.

Si ringrazia Paky Ragnatela per la realizzazione del banner.

Comments

  1. felik ha detto:

    Ho inserito il banner nel blog si che si occupa di raccogliere notizie su ambiente e diritti degli animali in Puglia

  2. geg ha detto:

    poveri voi che nn sapete un bel niente della corsa dei carri!!!!!!ma che credete che a noi nn interessa niente degli animali???Ma credete davvero che li lasciamo morire???????????si è vero in queiminuti di corsa non vengono di certo accarezzati ma provate a vedere cosa si fa durante tutto l’anno!!!!e poi perchè nn andate anche dalle altre parti????vi sento parlare solo di chieuti!!!e gli atri paesi della carrese?????avete paura di andare lì vero??????poveretti voi!!!!!!!

  3. admin ha detto:

    Sicuramente avete molto interesse negli animali, interesse economico, e vi dispiacerebbe che non possano più correre come a me dispiacerebbe se la mia auto non partisse più. Ti devo spiegare la strategia? si lavora prima su una corsa per ottenere il migliore risultato possibile su quella (che non si faccia più la stessa corsa) poi si passa ad un ‘altra 😉
    ti ringrazio per l’attenzione

  4. erika villa ha detto:

    è ora di finirla con ste barbarie

  5. Summer ha detto:

    Io però non ho ancora capito perchè accanirsi sulla corsa di Chieuti!ci sono altri 3 paesi nel raggio di 20 km che hanno la stessa medesima tradizione (San Martino in Pensilis,Portocannone e Ururi),ma tutti parlano sempre e solo di Chieuti….boh!

    Poi,io sono in parte d’accordo con voi,ovvero credo che la corsa sarebbe ugualmente bella senza pungoli o bastoni,anzi,sarebbe + bella!!!

    Ma quello su cui vorrei farvi riflettere è: secondo voi un animale sta meglio un giorno a correre 4 km circa e poi tutto il restante anno in una stalla,curato,portato a spasso,e coccolato (si,avete capito bene),o un animale che nasce in una stalla da allevamento intensivo,vive in mezzo metro quadrato di cemento e alla fine viene ucciso per produrre salsicce o bistecche????

  6. caterina sottile ha detto:

    Poniamo il problema in modo più concreto, però

  7. GIUSEPPE ZIO ha detto:

    Sina dai tempi più antichi, nelle varie civiltà meditarranee, il bue e il toro hanno rappresentato la forza della natura, un animale sacro, al limite tra il controllo e la forza preponderante e imprevedibile della natuta. L’uomo, per superarsi ha bisogno di continue conferme e di misurarsi con le forze della natura. La corsa dei carri rappresenta allora uuna festa di primavera, nella qual eil bue sacro è usato per avvicinarsi alla divinità. La corsa dei carri è un lampo magico che rompe l’equilibrio statico invernale e celebra la rinasciota della vita e della comunità. Dietro a queste feste non c’è affatto la gratuità della crudelta, ma, al contrario, un profondo rispetto della natura e deegli animali che affonda, nelle sue motivazioni storiche culturali e antropologiche, in secoli, anzi in millenni di storia. Venite a vedere tutta la festa a S. Martino, non solo la corsa in sè e vi renderete conto di che valore profondo che essa ha.

  8. Poveri ha detto:

    non sono d’accordo, la festa e’ pur bella, ma i pungoli ai buoi rimangono e non solo per un giorno, ricordatevi che si corre per 3 mesi prima della gara e poi si corre d’estate, praticamente 5/6 mesi all’anno questi animali vengono spremuti e poi fatti a fettine quando non sono buoni piu, meditate gente… meditate…

  9. manuel ha detto:

    mi sembra che di falsità ne dite anche troppe su questo sito, come quella che i buoi devono tirare il carro. Ma non lo sapete che i buoi sotto il giogo devono solo correre liberamente e che il carro viene spinto dai sei cavalieri dietro con i pungoli? ma questo, ne sono convinto è solo perchè siete per partito preso. Però posso ancora dirvi che i buoi non vengono mandati al macello subito dopo la corsa, ma che vengono mantenuti 14 o 15 anni e di corse ne fanno parecchie.
    Vi sembra che se un animale sia maltrattato, possa vivere tutti quegli anni? e per favore invito tutti a non essere volgari e rispettare le idee degli altri.

  10. doriana ha detto:

    lasciate perdere la corsa dei buoi di chieuti noi gli animali gli trattiamo bene piu delle persone invece di rombere le palle con la nostra corsa la carrese e fatta in altri 3 paesi perche nn andate a rombere le palle anche li invece di rombere le palle sono a noi la nn andate perche avete paura nn azzardatevi a venire quest anno che vi facciasmo la pelle come si dice uomo avvisato mezzo salvato………………….

  11. tweety ha detto:

    sti animalisti di merda!!!!!!!!!!!ma guardatevi in giro!!!!!xk nn andate da un altra parte???e poi noi nn li trattiamo male durante tutto l’anno!!!!ci credo k pensate così,e normale,voi venite solo durante la corsa|!!!!!!!!!!!!!!!e poi nn ce la farete mai a togliere questa tradizione!!!!!!!!è inutile ogni vostro sforzo e inutile!!!!!!cmq anke il giorno della corsa noi li trattiamo bene xk fanno un grande sforzoooooo!!!!!!!!xò braviiii!!!!

  12. rita ha detto:

    ma stitv sol zitt…n sapit e n parlat..pagliacci!!!!!!

  13. Mariagrazia ha detto:

    Credo che ci sia un bel pò da capire…immagino che voi animalisti siate tutti vegetariani ma non i vegetariani che mangiano uova latte e derivati dovete vivere di sola erba…e io non credo proprio che questo accada…
    Lasciate stare la corsa anche perchè da quest’anno c’è il riconscimento da parte della Regione che tutelerà la nostra tradizione. Voi non sapete i sacrifici che vengono fatti per mantenere questi annimali, animali che vivono 14/15 anni. Ma credo che voi animalisti li vorreste a salsicce più che a correre allora perchè non andate a protestare davanti le macellerie e i mattatoi invece che stare da noi dove gli animali muoiono di vecchiaia. VERGOGNA per tutto ciò che dite non sapete nulla nè della tradizione nè della corsa chiudete la bocca che fate più bella figura.
    W LA CORSA

  14. isa ha detto:

    cari animalisti, voi venite a chieuti ogni anno sempre e solo il 22 aprile(giorno della famosa corsa)e così facendo riuscite a vedere solo i 5 minuti della corsa e parlate parlate cercando di eliminarla. perchè non venite un giorno qualsiasi?? che sia gennaio che sia agosto. tutti gli uomini di chieuti dal più piccolo che ha 3 anni al più grande che ne ha 80 passa ore e ore, tutti i giorni, nella stalla del proprio partito “trascurando”,se accettate questo termine, le famiglie. perchè? perchè puliscono le stalle, i cavalli, i buoi che vengono portati a spasso ogni santissimo giorno. dovete capire che la corsa non è solo quei 5 minuti che voi riuscite a vedere ma è anno dopo anno un “sacrificio” sia economico(per curare i buoi e cavalli) sia del proprio tempo ed è bellissima.purtroppo siamo l’unico paese che non vede riconosciuta dalla ragione la propria tradizione al contrario dei paesi del molise dove voi non potete fare più niente e li davvero la corsa è molto più violenta della nostra e il percorso è molto più lungo. perchè invece di pensare a noi non pensate a quei poveri animali che ci sono nei circhi? qui poveri cavalli che devono fare dei balletti invece di correre all’aria aperta come fanno i nostri cavalli. lasciati stare avete stufato..

  15. w la corsa dei buoi ha detto:

    aridajje sti c… di animalisti ma voi non ci pensate di cosa sono fatte le vs scarpe? ah noo pelle di vitellino!!! capito vitellino! macellato tra i 6 e otto mesi di vita. i buoi che voi dite che maltrattiamo vivo come minimo 10 anni come massimo 16, praticamente muoiono di vecchiaia. tutt’al più vengono venduti dopo sono stati comprati, ma non vengono macellati. perchè non pensate ha cosa succede agl’uomini crudelte di tutti i generi o questo non vi piace. comunque se ci tenete venite vi mettiamo sotto il carro e vi facciamo corre a voi ah ah ha che risate con voi ANIMALISTI del c…. che mettete i cappottini ai cani e quei ridicoli cappelini volevo vedere voi con un guinzaglio e la museruola e i ridicoli cappottini. andate a lavura e non rompete più le b….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi