Home » Attualità » Fiat Chrysler: è guerra per il prestito

Fiat Chrysler: è guerra per il prestito

La Fiat Chrysler ha richiesto un prestito allo Stato Italiano, ma a quanto pare numerosi vertici politici si sono scontrati perché non tutti sono d’accordo per la cessione di questo aiuto economico. Uno dei motivi che frenano in questa decisione è il fatto che l’azienda non ha più sede ufficiale in Italia.

Il problema della Fiat Chrysler

La Fiat Chrysler ha richiesto un aiuto economico all’Italia e le risposte di chi è favorevole a concederlo si sono fortemente scontrate con chi invece si è dichiarato assolutamente contrario. Da una parte c’è Matteo Renzi, che con il suo partito “Italia Viva” si è schierato contro Giuseppe Conte e anche contro numerosi sostenitori del “no”. Renzi è infatti convinto che possa essere una buona idea concedere il prestito all’azienda, ma la risposta contraria sostenuta dal Premier e anche da numerosi altri, a quanto pare è sostenuta soprattutto dal fatto che la Fiat Chrysler non ha più sede ufficiale in Italia.

I giornali

Lo scontro è molto visibile anche sui quotidiani, che pubblicano degli articoli favorevoli al prestito. In questo caso si parla soprattutto del giornale “La Stampa” e del quotidiano “La Repubblica”, che possiedono dei collegamenti economici con la Fiat Chrysler, e per questo motivo mirano a difendere l’idea del prestito. Il problema maggiore però riguarda il fatto che ancora non si è trovato un accordo e il dibattito sta coinvolgendo tutti i politici. Per ora sembrerebbero essere maggiori coloro che si sono schierati per il “no”, anche se non sono pochi coloro che patteggiano per il “sì”. Si attendono ulteriori aggiornamenti per sapere la risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi