Home » Dal Mondo » Floyd: arrestati altri 3 poliziotti coinvolti, Trump cambia idea

Floyd: arrestati altri 3 poliziotti coinvolti, Trump cambia idea

Le proteste in America per il caso Floyd non si placano minimamente e Trump, che voleva scatenare l’esercito per bloccare le rivolte, è costretto a cambiare idea perché anche il ministro Miller ha sottolineato quanto possa essere esagerata questa decisione. Oltre a questo, sono stati arrestati anche gli altri 3 poliziotti coinvolti nell’uccisione di George Floyd, accusati infatti di non aver bloccato il loro collega, che ha ucciso l’afroamericano.

Floyd: come si evolve la situazione

Il nome di George Floyd è ormai conosciuto in tutto il mondo e tutte le nazioni stanno cercando di sottolineare la loro protesta per il fatto che sia stato ucciso in modo brutale da un poliziotto, che ha tenuto il suo ginocchio contro il petto della vittima, per ben 8 minuti, uccidendolo volontariamente. Sono pesanti accuse, che hanno portato non solo alla formazione di proteste violentissime in tutta l’America, ma anche all’arresto degli altri 3 poliziotti, che erano presenti nel momento in cui Floyd è stato ucciso e anziché fermare la crudele azione del loro collega, che stava uccidendo l’afroamericano, sono rimasti a guardare.

Trump rinuncia a usare l’esercito

Trump aveva intenzione di usare l’esercito per cercare di sedare le rivolte che la popolazione americana ha scatenato per poter far capire quanto fosse contrariata per l’uccisione di Floyd. Il Presidente americano aveva minacciato di scatenare le sue truppe, ma lo stesso ministro Miller ha sottolineato che si tratterebbe di una mossa assurda, anche perché l’esercito deve essere usato solo in gravissime situazioni, e non è questo il caso, anche perché la popolazione sta solo chiedendo giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi