Home » Cultura » La satira e la fantascienza di “La fabbrica dell’Assoluto” di Čapek

La satira e la fantascienza di “La fabbrica dell’Assoluto” di Čapek

La fabbrica dell'Assoluto Book Cover
La fabbrica dell’Assoluto Romanzo-feuilleton Voland Edizione Voland 2020 243 pagine https://www.voland.it/libro/9788862433655

Edizione tradotta da Giuseppe Dierna del capolavoro di Karel Čapek. La fabbrica dell’Assoluto è un romanzo di fantascienza con forti vene satiriche e utopistiche.

La fabbrica dell’Assoluto di Karel Čapek è un classico della fantascienza con forti componenti satiriche ed utopistiche. Sicuramente uno tra i migliori libri usciti in questo 2020. Ringrazio l’editore Voland per l’opportunitá di leggerlo e recensirlo.

Karel Čapek

Nato nel 1890 a Malé Svatoňovice in Boemia e morto nel 1938 a Praga, è stato tra i maggiori scrittori cechi. La fabbrica dell’assoluto è il primo importante romanzo di Čapek, pubblicato l’anno successivo alla pubblicazione dell’altro suo grande successo R.U.R., dramma diviso in tre atti. È stato il primo autore ad utilizzare il termine robot che in lingua ceca significa “lavoro duro”.

La fabbrica dell’Assoluto

La fabbrica dell’Assoluto è un romanzo costruito sull’espediente di un macchinario, chiamato carburatore, che produce grandi quantità di energia elettrica dissolvendo completamente piccole porzioni di materia. Da questa combustione viene liberato l’Assoluto, una specie di presenza divina immanente intrappolata nella materia. La liberazione dell’Assoluto provoca, nelle persone che si trovano nelle immediate vicinanze del cosiddetto carburatore, manifestazioni estatiche, mistiche e fenomeni popolari di religiosità ed evangelizzazione.

Un macchinario che consuma poche zolle di carbone e fornisce energia per settimane, diventa appetibile non solo per fabbriche ma anche per chiese e luoghi pubblici. Il brevetto viene venduto e il carburatore messo in produzione. Da Břevnov, quartiere di Praga, il carburatore raggiunge una grande diffusione in ogni parte del mondo. La liberazione dell’Assoluto in luoghi diversi provoca sentimenti religiosi differenti e da questi nascono contrapposizioni e ostilità che non è possibile fermare.

I temi di La fabbrica dell’Assoluto

Sono diversi i temi riccorrenti di questo romanzo. Ne La fabbrica dell’Assoluto c’è la paura di un dominio della scienza e della tecnologia a cui consegue una perdita di controllo da parte dell’uomo sui macchinari da lui stesso creati. È presente anche un utopismo che non viene realizzato dall’uomo attraverso una rivoluzione operaia ma messa in atto da un’entità divina. L’opera è stata scritta nel 1921 e pubblicata nel 1922, anche se ambientata nel 1943. A pochi anni dalla Rivoluzione d’ottobre in Russia.

Ne La fabbrica dell’Assoluto c’è anche la guerra, la politica, i nazionalismi, i fanatismi religiosi, il capitalismo. C’è una profonda riflessione sulla politica e la società del tempo in una Cecoslovacchia in cui, poco dopo la fine della Prima Guerra Mondiale venivano ridefiniti i confini e si accentuavano le difficoltà con le minoranze etniche.

Lo stile letterario di Čapek

La narrazione di Čapek è continuamente attraversata da satira e da paradossi. L’ironia colpisce ogni tipo di istituzione, da quella religiosa a quella politica. Finanche la guerra che si ferma quando manca il pubblico interesse, come se fosse uno spettacolo, e le forze dell’ordine che per le occasioni importanti tirano fuori i manganelli della domenica. Dissacrante nei confronti del Divino che nella sua creazione appare caotico nell’abbondanza di stelle che riempiono il cielo.

Le descrizioni sono impressioniste, brevi e con modi poetici. Čapek si dilunga solo nell’elencare oggetti ed azioni, in pochi punti del racconto, per divertire il lettore e per aiutarlo ad immaginare. Con padronanza e carattere inserisce a metà del racconto, senza spezzarne il ritmo della narrazione, delle riflessioni del cronachista, ovvero dell’autore. Ben costruiti anche i dialoghi che si differenziano a seconda dei personaggi e dei loro caratteri.

Leggere oggi La fabbrica dell’Assoluto


Nonostante sia stato scritto quasi un secolo fa, La fabbrica dell’Assoluto tratta temi molto attuali. Il ritorno dei nazionalismi, la diffusione di un sentimento razzista, la discriminazione delle minoranze etniche. E poi i conflitti in Libia e la contesa di confini tra Grecia e Turchia, tornano ad essere questioni che ci riguardano da vicino. La stupida convinzione che il Dio di qualcuno sia migliore di quello di qualcun altro e le decapitazioni e gli omicidi che ne derivano.

È proprio vero, forse questi anni ’20 del duemila somigliano agli anni ’20 del novecento. Ed una lettura come questa, proposta per esempio ai giovani delle scuole superiori, potrebbe diventare uno strumento di riflessione che aiuti a credere nella gente prima di tutto ed evitare di commettere gli stessi errori storici.

Ordina il libro dal sito dell’editore
Libri dello stesso editore

Comments

  1. luana ha detto:

    Interessante e coinvolgente, ammetto che non è il mio genere preferito, ma la tua analisi riguardo al romanzo mi ha colpita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi