Home » Attualità » L’aborto volontario è un’esigenza naturale

L’aborto volontario è un’esigenza naturale

Durante questa quarantena i movimenti Provita in Italia, hanno cercato di far passare l’esigenza delle donne di avere un’IVG (interruzione di gravidanza volontaria) come un trattamento medico non essenziale. In pratica hanno cercato di cancellare, sia pure temporaneamente, una legge dello Stato italiano, la 194, negando che l’aborto volontario sia un concreto diritto per la salute psicofisica della donna, come, fra l’altro, è un’esigenza anche per tutte le femmine di molti altri mammiferi come noi.

Le interruzioni volontarie di gravidanza avvengono infatti anche in natura; quando ad esempio una coniglia selvatica è incinta, ma si accorge di trovarsi in un contesto ostile alla messa al mondo dei cuccioli, è in grado di riassorbire all’interno del suo corpo l’intera cucciolata. L’ambiente ostile per una coniglia può essere un periodo di siccità che rende difficile procacciarsi del cibo, ma anche la vicinanza dell’uomo; così come l’ostilità ad allevare dei figli per una donna è rappresentata dal non avere lavoro o un compagno che le stia vicino. O problemi di salute suoi o dell’embrione o feto che porta in grembo, o non avere predisposizione a diventare madre in quel momento o sempre. Portare avanti una gravidanza e poi dare in adozione il figlio, spesso può non essere la soluzione ideale perché la gestazione pur non essendo una malattia, può essere un impedimento per tante donne a condurre una vita normale nel proprio contesto di lavoro o familiare.


A chi dice che bisognerebbe pensarci prima, ricordo che nel nostro Paese è ancora molto difficile, sempre grazie ai Prolife, ottenere in farmacia la pillola dei cinque giorni dopo e che i ginecologi obiettori non installano il dispositivo contraccettivo IUD detto anche spirale. Non c’è, inoltre, nelle nostre scuole una vera e propria Educazione Sessuale. La salute riproduttiva delle donne in pratica non è ancora salvaguardata dal punto di vista della contraccezione ed è per questo che l’aborto è ancora un male necessario.

Profilo Autore

Laura Fiore
Nasco a Napoli dove risiedo, nel 1969. Compio studi artistici; attualmente realizzo mostre della mia pittura per beneficenza. Sono sposata ed ho una figlia adolescente. Nel 2008 affronto un aborto terapeutico traumatico per la presenza di obiettori di coscienza, da cui pubblico quattro anni dopo, con la casa editrice Tempesta, il libro "Abortire tra gli obiettori", apro un blog con altre testimonianze e mi iscrivo ad un'associazione nazionale di donne per i nostri diritti. Sono agnostica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi