Home » Attualità » Manuale di tecniche naturali per curare un uliveto

Manuale di tecniche naturali per curare un uliveto

da comune-info.net

• Andare a trovare gli alberi e osservare come stanno (rendersi conto del loro stato di salute).

• Tagliare i rami secchi.

• Fare potature leggere senza mutilare la chioma e nella stagione adatta (primavera).

• Disinfettare le ferite con calce e rame.

• Tagliare i polloni che crescono alla base del tronco, che sono rami sterili che tolgono il nutrimento all’albero (nel dialetto salentino li chiamiamo li sobbacavadde).

• Togliere i succhioni che crescono sul tronco e sui rami. Anche i succhioni sono germogli sterili che hanno origine da gemme rimaste dormienti per un tempo indefinito.

• Imparare che l’erba non sporca i campi, ma li nutre.

• Non usare il diserbante che è tossico, avvelena il suolo, quindi anche noi, e inquina la falda acquifera.

• Tagliare l’erba e trinciarla.

• Fare arature leggere per non rompere le radici superficiali (i nostri nonni dicevano che fino a Pasqua non si camminava nemmeno sotto gli alberi di ulivo). Quando si ara, il carbonio del suolo va nell’atmosfera: la terra s’impoverisce di sostanza organica e l’aria si riempie di emissioni di CO2 (l’anidride carbonica responsabile del riscaldamento globale).

 

• Nutrire il terreno in modo naturale con il letame o con il compost fatto in casa o certificato.

• Seminare il sovescio (favino, lupini, graminacee) per una concimazione naturale.

• Non usare insetticidi ma rimedi naturali come la bottiglia di plastica, forata su entrambi i lati, contenente una miscela di aceto e miele o acqua e pesce, per combattere la mosca dell’olivo.

• Disinfettare con rame, calce, ferro e zolfo.

• Ricordare quello che dicevano gli antichi: «L’ulivo ha bisogno di cinque cose: il largo, la pietra, il letame, l’accetta e il sole».

• Avere fiducia nella resistenza degli ulivi, che sono con noi da millenni, e che avranno la forza per combattere questa nuova malattia.

• Sostenerli ora che hanno bisogno di aiuto, come facevano i nonni con muretti di pietra quando stavano per cadere.

• Essere consapevoli che quello che facciamo alla terra, all’erba, agli alberi, alle api. lo stiamo facendo a noi stessi.

Questo piccolo quanto puntuale Piano Salvaulivi non è stato elaborato da collaboratori del minsitro Martino, neanche da burocrati dell’Ue o improbabili emissari ma dai bambini e dalle bambine della Terza C, della Scuola primaria di San Michele Salentino (Brindisi), che hanno studiato da fonti piuttosto affidabili di agricoltura contadina e rielaborato questo manuale insieme alla maestra Rosaria Gasparro. Intanto, a Veglie (Lecce), zona masseria duchessa, prosegue il presidio continuo 24 ore su 24 in difesa degli ulivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi