Home » Comunicati, assemblee, manifestazioni, manifesti » Nei tribunali la solidarietà è sotto indagine, lo stupro è assolto

Nei tribunali la solidarietà è sotto indagine, lo stupro è assolto

Nei tribunali la solidarietà è sotto indagine, lo stupro è assolto

Nelle primissime ore di sabato 13 maggio, in piena notte, sono state
perquisite le abitazioni di due compagne e due compagni della
Federazione Anarchica Torinese. La DIGOS di Torino ha eseguito le
perquisizioni per ordine del PM Rinaudo nel quadro di indagini riguardo
a delle scritte. Sono stati sequestrati telefoni, computer e abiti. Le
scritte in questione erano apparse alcune settimane fa di fronte al
Tribunale del capoluogo piemontese per denunciare l’ennesima sentenza a
protezione del patriarcato e dello stupro, sentenza attorno alla quale
si era creata una forte opposizione da parte di ampi settori femministi.
Un’opposizione che ha avuto il suo momento di massima visibilità nelle
manifestazioni convocate lo scorso 12 aprile dal movimento Non Una Di
Meno di fronte ai tribunali di tutto il paese.

La Commissione di Corrispondenza, certa di esprimere la posizione
dell’intera Federazione, denuncia la gravità di questi provvedimenti e
manifesta massima solidarietà verso la Federazione Anarchica Torinese ed
in particolare verso le compagne ed i compagni perquisiti.

Le perquisizioni della scorsa notte sono in linea con la politica
autoritaria del governo, che con i recenti decreti firmati dai ministri
Minniti e Orlando inasprisce la repressione non solo nei confronti del
movimento anarchico e di altre forze antagoniste o rivoluzionarie, ma
anche contro ogni forma di dissenso e più in generale contro tutti gli
sfruttati, sui luoghi di lavoro come nelle strade e nelle stazioni. In
questo contesto risulta ancora più evidente il carattere intimidatorio e
persecutorio di quattro perquisizioni domiciliari per un’indagine
riguardante delle semplici scritte.

Il comunicato della Federazione Anarchica Torinese su quanto avvenuto
parla in modo chiaro:
«Il PM Rinaudo ci accusa di imbrattamento e diffamazione. Nel decreto di
perquisizione si legge che siamo stati scelti perché anarchici attivi
nella rete femminista Non Una di Meno. Inutile negarlo. Siamo anarchici,
anarchiche, femminist*. Quelle scritte, chiunque le abbia tracciate sul
muro, le ha fatte anche a nome nostro.»

Infatti la denuncia che esprimono le scritte di Torino è la stessa che
molte e molti hanno fatto, identificando in quella sentenza un esempio
di come i tribunali perpetuino la violenza sulle donne e il sessismo,
difendendo le strutture patriarcali della società.

La Commissione di Corrispondenza si pone al fianco delle compagne e dei
compagni di Torino che stanno continuando la propria attività, la
Federazione Anarchica Italiana è unita di fronte alla repressione e
respinge ogni intimidazione nei confronti dei propri membri.

La Procura di Torino mira a colpire le anarchiche e gli anarchici per il
loro impegno coerente nei movimenti, per a loro lotta quotidiana per la
liberazione sociale, contro lo sfruttamento e l’oppressione. Ma tentano
anche di intimidire l’insieme ampio e variegato di realtà che hanno dato
vita negli ultimi mesi a iniziative, azioni e manifestazioni, riuscendo
a dare nuova centralità alla questione femminista e di genere.

Queste perquisizioni dimostrano ancora una volta da quale parte stia la
giustizia. Certo non nei palazzi dei tribunali, dove si emettono
sentenze che proteggono gli stupratori e si indaga su chi protesta
contro tali verdetti. Le anarchiche e gli anarchici saranno sempre al
fianco di chi lotta per la   giustizia sociale e per la libertà, contro
la violenza e il patriarcato.


Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana

15 maggio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi