Home » Approccio teorico » Per l’Autogestione della Salute

Per l’Autogestione della Salute

di Jesús Franco Sánchez e di Heleno Saña

Traduzione dallo spagnolo di Por la Autogestiòn de la salud
Consultando numerosi riferimenti bibliografici si dimostra che era abitudine nelle città peninsulari, fino all’imposizione del franchismo, il reciproco aiuto tra la gente comune per soccorrere le persone in alcune situazioni vitali, importanti o critiche: nascita, disoccupazione, malattia, morte …

Lo racconta Iliá Ehrenburg in “España, república de trabajadores”. Le classi popolari si auto-organizzano e si assistono; lo stato, chiamato repubblicano allora, non se ne preoccupava, se non per reprimerli.
Ne fa menzione Javier Escalera Reyes in “Sociabilidad y asociacionismo”. Purtroppo questo autore sceglie di studiare nel suo libro le relazioni intrecciate nei casinò e nei club di calcio del Aljarafe sivigliano, invece di quella reciprocità, il cui apprendimento è molto più utile.
Lo cita Santiago Araúz de Robles in “Los desertes de la cultura.” dove sottolinea l’importanza dell’individuo nella società Castigliana rurale, che non si offusca nell’accentuato comunitarismo.
Lo analizza Félix Rodrigo Mora in “El giro estatológico”. Quelli che chiedono in dimostrazioni ludiche (con agitazione di striscioni e selfie con il naso da clown incluso) sempre più assistenza sanitaria “pubblica” collimano questo problema con il franchismo. Affetto sorprendente che viene dal culto non riflessivo nello stato. E autoironia.

Questo sostegno reciproco era legato alla sfiducia nei confronti di ciò che proveniva dall’entità statale, , come riflette Antonio Limón Delgado nei suoi scritti di antropologia rurale andalusa.
La categoria della dignità, concepita come la convinzione dell’opportunità di prendere in carico la propria esistenza, separava la gente comune dal tessuto dello stato. Quando il rapporto di forze tra loro cambia, quel valore è caduto nel dimenticatoio fino a quando non è stata raggiunta l’attuale situazione dolorosa, in cui lo stato paternalista è quasi tutto e le classi popolari quasi nulla
Lo stato e il popolo, uno insuperbito e l’altro degradato, si identificano e si fondono. Quello che era stato il nemico della gente comune diventa il loro approvigionatore e il loro garante. La lotta di classe, tra governanti e governati, scompare e in difesa dello stato sociale vengono raggruppati allo stesso modo socialdemocratici, esponenti della destra e “indipendentisti”.

Vediamo, cosa ha fatto l’assistenza sanitaria “pubblica”, quella dello stato sociale, con i suoi sfortunati pazienti? Cosa ha il “potere del camice bianco” trasformato nella persona media? In un essere dipendenti, irresponsabili, postulanti e che si ignora come rimanere in salute.
Forse, in cambio, si può sostenere che la medicina di stato ha reso possibile il
raggiungimento di alti livelli di salute tra i suoi clienti o lo sradicamento di malattie?
No. I dati sulle patologie cardiovascolari, mentali, metaboliche o tumorali sono conclusivi. A questi dobbiamo aggiungere la iatrogenia o le sofferenze causate dall’atto medico, che tende all’ultra-interventismo tecnico e farmacologico. I risultati dubbi sono la cronologia dei processi morbosi, la realizzazione di resezioni chirurgiche programmate o la normalizzazione dei parametri fisiologici mediante farmaci.

La principale conseguenza nefasta dell’assistenza sanitaria statale non è, in alcun modo, l’applicazione di un paradigma medico che è dannoso a causa della sua stessa concezione della vita e delle basi anatomiche. Né le pratiche di mafia dell’industria farmaceutica come un’abbondante bibliografia di denuncia, che quindi propone che la soluzione sia quella di richiedere dallo Stato o dall’UE la creazione di istituzioni, l’emanazione di leggi e l’istituzione di meccanismi che regolino il primo, rimanendo quindi nel sistema. In nessun modo è decisivo il male situato né nel somatico né in quello economico. Al contrario, è il disconoscimento delle capacità della persona di essere e stare in piedi da soli, e con i loro pari, la questione centrale. Questa realtà umiliante, che si trucca con la retorica della legittimazione e della legge dell’autonomia del paziente, è ciò che viene denunciato e rovesciato. I saggi della salute dettano ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che deve essere fatto e cosa no, e il paziente deve solo obbedire e sottomettersi. E comunque crescere come consumatore, in questo caso di farmaci e tecnologia medica.

Definiamo meglio. L’esperienza mostra che le situazioni di perinatologia come il puerperio immediato, la cura dei neonati e l’allattamento al seno sono gestite da molte madri e padri (e anche nonne e nonni) con un sorprendente grado di ignoranza.

Il paternalismo del tiranno collettivo è così distruttivo che distrugge tutto, anche con il buon senso e la trasmissione intergenerazionale della conoscenza. Il futuro che attende i neonati è piuttosto grigio, a meno che i loro genitori o loro stessi quando sono adulti apportino un cambiamento radicale per migliorare le loro coscienze e comportamenti, scommettendo su questa particolare autogestione della salute. Cosa che richiederà studio, riflessione e volontà. Sforzo, quindi, e abbandono della propensione alla delega e alla auto-indulgenza. Altrimenti, sono destinati a riprodurre cio che è stabilito: lasciare la loro salute fisica e mentale nelle mani dei professionisti del settore, in una divisione intollerabile tra “esperti”, pieni di egolatria e motivazione del profitto e abilità professionali in molte occasioni, e minori di età.

La salute mentale è un’altra area che fa paura a conoscerla. Anche dall’esperienza. Se lo stato di benessere ha dato origine, con il compiacimento della persona media, a un importante settore della popolazione incapace di gestire la propria salute, ciò che è stato fatto con i “malati di mente” può essere definito, senza ulteriori indugi, come la creazione di un ghetto. Alcune persone descrivono questo stato di cose come “iscrizione clinica, disfacimento sociale”. Tale è la disconnessione di queste persone. Un’etichetta diagnostica, una farmacoterapia particolarmente dannosa, un beneficio monetario e, in molti casi, l’incapacità legale sono la tragica realtà in cui vegetano. Circoscrivere con la consultazione del medico i mali dell’anima è un modo di giustificare l’attuale sistema sociale, politico, economico, culturale, tecnologico, assiologico e ideologico, evitando con tale procedimento l’analisi e il dibattito sulle modalità di tali sofferenze. Essere, pensare e agire imposti dallo Stato e dal capitalismo, che sono in gran parte all’origine di quelle sofferenze.

All’interno della trasformazione verso l’alto, personale e collettiva, che è qui sostenuta, prendere le redini della propria salute è un compito da svolgere. Ciò che non è presentato come un valore assoluto ma come parte integrante di una mutazione che supera i modi attuali di comprendere e organizzare la vita. Lungi dall’essere una monomania o uno strumento per lo sviluppo dell’Io, ignorando la totalità del reale e la nostra dimensione di alterità, è una componente necessaria per andare verso obiettivi di trascendenza. È un passo per renderci migliori e consentirci di contribuire a una rivoluzione nel suo complesso.

Analizziamo alcune nozioni pratiche.

La sovranità alimentare non è possibile nell’ordine corrente. In questa materia, come in tanti altri, ciò che è decisivo è l’assenza di sovranità politica, civile ed economica. Conquistare questa è la scelta centrale e non diventare vegetariani, scegliere come dettare la propria coscienza, né il consumo di cibo biologico che, oltre ad essere elitario per il suo prezzo abusivo, provenga da un’agricoltura governata da principi capitalistici, sovvenzionata dallo Stato e non esenti da danni ambientali.

Considerata questa considerazione per verificare la difficoltà di mangiare in modo sano a causa di fattori di natura non trofica, diremo che dobbiamo scartare la concezione calorica del mangiare e considerarla dal punto di vista qualitativo. Cosa mangiare è molto più importante per la salute di quanto mangiare. Deve attaccarsi solo al frugale. Il cibo deve essere cucinato a casa con procedimenti delicati e preferibilmente consumato in compagnia. Legumi, verdure e frutta sono nutrienti, secondo la nostra fisiologia e ci permettono di acquisire l’abitudine di raccoglierli selvatici, di rendere sani come pochi, un’esperienza per contatto con la natura che offre cibo generoso e per sentire i resti del bene più prezioso che è la libertà. Confronta questo lavoro civilizzatore con quello di mettere la tua mano nei dispensari.
Anche le uova e il miele sono raccomandabili se vivi in piccoli centri, perché in città sei destinato ad acquisirli di origine industriale. Tra i cereali sceglierei il riso.
I mari offrono, ancora una volta prestando attenzione alle disponibilità personali, una opportunità molto interessante: pescare con la canna per autoconsumo.
Dobbiamo superare l’ingordigia, questo ci trasforma in maiali soddisfatti.
È un’assurdità che, dopo averci ridotto a poco più della condizione dell’apparato digerente che deglutisce senza spese, la sezione dello Stato dell’Andalusia intende legiferare contro l’obesità. Più leggi positive. In questa occasione per la società agricola. Gli alloggi devono essere pastorizzati fino all’inaudito. Ma non dimentichiamo che più legge, meno etica. È l’apoteosi del paternalismo nel sud della penisola, trasformato in un immenso bar, con turisti e nativi disposti a mangiare cibi fritti e bevande alcoliche. Il numero di stabilimenti esistenti per mangiare e bere è inversamente proporzionale a quello delle persone di valore. La preponderanza dei giardini zoologici è la tomba dello spirituale.

Era necessario distruggere i contadini, industrializzare e meccanizzare l’agricoltura. L’autosufficienza era un’arretratezza. Ora abbiamo un’agricoltura di esportazione che esaurisce i terreni e le falde acquifere, mercantilista, a cui è dedicata una piccola percentuale della popolazione, che deve acquistare mele e lenticchie di origine lontana nel supermercato.
Questo era il progresso.
Continuiamo. L’assunzione regolare di piante medicinali in infusione è altamente consigliabile. Come è per recuperare e diffondere la conoscenza lasciata dai nostri antenati sull’etnobotanica. Citeremo solo due piante, tra le molte raccolte (o coltivabili a casa) con proprietà preventive e terapeutiche di vari sintomi. Uno è il rosmarino, il regolatore corporale e dell’anima, e l’altro l’ortica, sia nutriente che depurativa. La comprensione e l’applicazione di questa dualità sul piano strettamente fisico è molto attuale. Il nostro soma, come aggiunta interattiva di cellule e popolazioni batteriche e virali, è necessario per il buon funzionamento di questa dialettica di purificazione nutrizionale. È noto, nell’ambito della cosiddetta medicina naturale, che “le eliminazioni difendono la vita”.
Fegato, polmoni, pelle, colon e reni devono essere stimolati per il corretto funzionamento del drenaggio. In questo lavoro il digiuno è anche utile. Anche il bagno marino è un depurativo attraverso l’osmosi.

Il postulato scientifico, portato avanti nella pratica medica ortodossa, che sottolinea che le alterazioni geniche e i microbi causano la malattia, non regge. Deve essere messo alle strette da riduzionista, deterministico e servire una concezione dell’esistenza basata sull’aggressività. La dieta, ampiamente intesa come stile di vita, e le condizioni dell’ambiente di residenza sono determinanti in buona salute, molto più che stipare il corpo con vaccini e antibiotici. È più efficace cooperare con i microrganismi che ci abitano piuttosto che considerarli i nostri rivali.

Un’altra polarità da considerare è l’esercizio di riposo. Qui la cosa desiderabile è respingere la pigrizia e impostare abitudini ordinate, guidate dalla volontà. Stabilire un semplice programma di attività fisica è fattibile, a parte le palestre e le ossessioni giovanili e corporee, il contrario dello stile di vita sedentario e la passione per i dolciumi. Non è possibile colmare le lacune di ordine immateriale con l’intronizzazione dell’esercizio fisico o masticare e deglutire ripetutamente.

Camminare ogni giorno, mettiamo un’ora, meglio in un ambiente naturale, da solo o accompagnato, non solo dà benefici fisici ma anche la possibilità di silenzio e riflessione o conversazione, allontanandosi dal rumore dei media incessante. Questa saggia routine può essere completata allungando le estremità e il tronco e alcune flessioni. Tutto ciò determinerà il mantenimento del tono cardiovascolare, respiratorio e muscolo-scheletrico. Il trasporto di veicoli a motore, privato o “pubblico”, deve essere limitato al minimo.

Mens sana in corpore sano: il vecchio motto della medicina tradizionale è sempre più difficile da soddisfare, e questo per molte ragioni, principalmente a causa delle strutture antiumane dell’attuale modello di vita, a causa della commercializzazione, della meccanizzazione e della tecnologizzazione dell’arte del curare e il malfunzionamento della sanità in tutti i suoi aspetti. Questa deformazione della medicina ha portato ad un aumento non solo delle malattie somatiche sopra descritte, ma anche delle malattie dell’anima. Anche in questo aspetto è confermato il carattere distruttivo e tanatico della civiltà moderna che ho descritto nel mio libro “La civiltà divora i suoi figli”.

La natura irrazionale, repressiva e disumanizzata della vita moderna spiega che lo stress, l’insonnia, l’angoscia e la paura sempre latenti sono diventati fenomeni sempre più diffusi. Il “mio essere è paura” che Kafka ha confessato in una delle sue lettere alla fidanzata Milena, è diventato un’esperienza comune, a cominciare dalla paura di perdere il lavoro o di non trovarne, di essere buttato in strada e diventare un paria sociale privo di pane e, spesso, un tetto dove possano ripararsi. Naturalmente e per ovvi motivi, coloro che sono colpiti da questi traumi si mantengono conto di ciò che accade loro. In una società basata sul culto idolatrico della competitività, sull’ottimismo sistematico e sul successo a tutti i costi, confessare i conflitti emotivi è come firmare la propria condanna a morte.

Rivelatore in questo contesto è anche che il consumo di droghe, calmanti e soporiferi delle specie più diverse è diventato un’abitudine sempre più diffusa, senza parlare della vasta minoranza che ricorre a droghe o alcol per affrontare i loro conflitti psichici o milioni di persone che ogni anno mettono fine ai loro mali attraverso il suicidio.
La pace mentale che i grandi maestri del pensiero universale hanno sempre considerato come condizione indispensabile di una vita veramente realizzata e degna di questo nome, è sempre più difficile da ottenere. Ciò che predomina è, al contrario, frustrazione, malcontento, malumore, risentimento e altri stati d’animo negativi che si manifestano spesso sotto forma di aggressività e violenza aperta nel campo delle relazioni interpersonali e sociali, Nord America come esempio rappresentativo di questo fenomeno di coesistenza. Com’è stato giusto Paul Ricoeur quando ha detto che “viviamo in un mondo senza vicini”!

Vittima di un processo di manipolazione mentale dell’ideologia dominante e lo stato di alienazione che è, la persona media manca di autostima e forza interiore sufficiente a combattere da soli o insieme ad altri contro innumerevoli truffe e abusi del potere costituito. Il suo atteggiamento predominante è interiorizzare la sua sofferenza invece di proiettarla verso l’esterno nella forma di resistenza contro il sistema oppressivo in cui è immerso, l’unica e sola causa e colpevole dei suoi problemi. Se c’è qualcosa di più contraria alla salute spirituale o l’equilibrio psicosomatico è la perdita di dignità e coscienza di sé, e non è un caso che uno degli obiettivi fondamentali della minoranza dominante è l’estirpare l’autonomia e il libero arbitrio la persona e ne fanno un passivo di essere incapace di pensare e di agire per conto loro e disposti, quindi, religiosamente e letteralmente rispettare le istruzioni e gli ordini che vengono da fuori. Questo spiega il conformismo prevalente e la mancanza o poca predisposizione a ribellarsi all’ingiustizia prevalente. L ‘”homme révolté” reclamato da Albert Camus nel suo libro omonimo, è da tempo diventato una figura museale e un bel ricordo del passato. Con poche eccezioni, l’atteggiamento che è stato imposto è l’obbedienza del cadavere ai padroni del mondo.

Quello che per inerzia mentale si chiama società civile, la democrazia o norma di legge, è in realtà una società che funziona a squilli di tromba in cui la disobbedienza civile è scarsamente praticata, rivendicata a suo tempo da Henry David Thoreau come la radice indispensabile di ogni società veramente libera e sovrana di se stessa. Stiamo assistendo al sorprendente paradosso che il ciclo storico che ha postulato più apertamente la promozione dell’individualismo è lo stesso che ha ridotto l’individualità alla sua dimensione più infima e superficiale.
Ciò spiega la propensione dell’individuo a imitare i valori e i modi di propagarsi degli apparati pubblicitari e mediatici al servizio dell’ideologia dominante. Uno dei più gravi che ha portato alla perdita di potere di individualità genuina e vera, è la perdita della dimensione sociale della creatura umana e della sua capacità di lavorare in comune con i suoi pari, un processo di de-socializzazione che favorisce inevitabilmente la stabilità e continuità delle condizioni di vita dominanti. O come scrisse il grande sociologo Helmuth Plessner: “Più la funzionalizzazione della società avanza, più i suoi membri si allontanano gli uni dagli altri e più la comprensione tra loro è problematica”.

Allo stesso modo in cui il sistema non è stato in grado di stabilire un ordine sociale minimamente giusto e razionale, lo è anche quando si tratta di sviluppare e implementare terapie e trattamenti medici volti a contrastare i conflitti e i traumi delle specie più diverse generate nell’individuo dalle strutture irrazionali e repressive con cui deve continuamente confrontarsi.
Le opzioni terapeutiche offerte al paziente, lungi dal ricostituire la loro salute fisica e spirituale, non fanno altro che trasformarlo in una cavia dell’industria farmaceutica e anestetizzarlo affinché continui a svolgere il suo ruolo di animale produttivo. E la prima cosa che il sistema è attento a nascondere è che il malato è davvero esso stesso, non le sue vittime.

Traduzione di Francesco Scatigno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi