Home » Politica » Problema Sea Watch: oggi approdata a Messina

Problema Sea Watch: oggi approdata a Messina

Ha causato diverse polemiche il cosiddetto “problema Sea Watch”, che ha riguardato l’approdo a Messina della nave Sea Watch 3, con a bordo 194 migranti. Questi ultimi erano stati salvati nel Mediterraneo, ma proprio negli ultimi giorni, la Sicilia e le sue autorità hanno imposto alla nave una quarantena da svolgersi a terra, per i migranti salvati, e a bordo per l’equipaggio. Tali disposizioni sono state poi modificate, e ora è stato deciso che per tutti, la quarantena sarà da svolgersi all’interno di una caserma militare. Le decisioni sono state avanzate in merito al problema Coronavirus, in modo da evitare qualsiasi rischio di contagio. La nave ha
risposto con un discorso riguardante la discriminazione. Come si è evoluta la vicenda?

Le disposizioni per la quarantena

È arrivata oggi, 27 febbraio 2020, a Messina la nave Sea Watch 3, per la quale è stata inizialmente disposta la quarantena a terra per i migranti e a bordo per l’equipaggio, trasformatasi però in una quarantena uguale per tutti e da svolgersi all’interno di una caserma militare. Quest’ultima ha risposto sostenendo che tali disposizioni sono discriminatorie per una nave Ong. Le autorità siciliane però rimangono ferree: la quarantena si svolgerà nel modo stabilito.

Il dialogo con Conte

Musumeci, il Presidente della Regione Sicilia, ha anche fatto presente al premier Conte che il livello della criticità del possibile contagio di Coronavirus derivante dalla Sea Watch 3 rimane alto. Per queste ragioni, in via del tutto precauzionale, si è ritenuto opportuno far svolgere la quarantena in tal modo. Ora si attendono gli esiti dei tamponi effettuati sui migranti. La polemica riguardante l’accusa di discriminazione però non si è arrestata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi