Home » Cultura, libri, musica e film » Il simbolismo de Il Mago di Oz

Il simbolismo de Il Mago di Oz

Il Regno di Oz, dal quale Dorothy cerca di andar via per tornare a casa, può rappresentare quel luogo intimo dove ogni uomo rielabora le esperienze personali solo con se stesso; infatti quando Dorothy alla fine della storia torna a casa e racconta ciò che le è successo, nessuno le crede. Oz inoltre è il simbolo dell’oncia, unità di misura, per cui Il Regno di Oz è anche il luogo in cui si dà un peso, in cui si misura e si dà un valore, dove si distingue tra bene e male, dove si riflette su ciò che è stato per arricchirsi di un nuovo peso per affrontare e misurare ciò che sarà. Possiamo dire che è il luogo della coscienza.
Il desiderio di tornare a casa può rappresentare, tuttavia, il bisogno che l’uomo ha da sempre di cercare le proprie origini, di cercare delle risposte alla condizione dell’essere e ai limiti della vita perimetrando il campo del conosciuto e sollevando delle mura (pareti) di difesa psichica. Casa, in effetti, in latino si diceva
domus da cui derivano le nostre parole domestico, dominare (dominus proprietario della domus).
Per tornare a casa le streghe consigliano a Dorothy di rivolgersi al Mago di Oz, sovrano della città di Smeraldo, dotato di fantastici poteri. Sulla strada verso la Città di Smeraldo Dorothy deve fare i conti con tre aspetti della personalità. Lo spaventapasseri che vorrebbe avere un cervello rappresenta la leggerezza di pensiero e d’azione, l’uomo di latta che vorrebbe avere un cuore rappresenta l’incapacità di amare, di provare passioni e di interessarsi; mentre il leone che vorrebbe avere più coraggio rappresenta l’incapacità dell’uomo di saper cogliere a proprio favore le situazioni, di “rischiare” o provare realizzando il pensiero in azioni, l’incapacità di cogliere la vita come una occasione (
ob-cadere cadere avanti). Solo alla fine del “viaggio” queste tre peculiarità dell’uomo possono dirsi realizzate.
Tutta la compagnia quindi si avvia verso il Mago di Oz per fare le proprie richieste. Il Mago di Oz, sovrano del Regno di Oz rappresenta la condizione umana, ovvero il dominio dell’Ego sulla coscienza. Il sovrano del Regno di Oz è la misura che l’uomo utilizza per dare valore alle proprie azioni, ai propri interessi e percorsi di vita: l’Io, l’egoismo, l’interesse personale. Questa è la condizione di partenza dell’uomo. Nel momento in cui Dorothy e i suoi amici avanzano delle richieste al Mago di Oz, questi chiede loro di portargli la scopa della Strega dell’Ovest che rappresenta l’avidità, l’oscurità (in quanto all’Ovest il sole va a tramontare). La compagnia affronta, quindi, la strega malvagia sconfiggendola con dell’acqua che Dorothy lancia per salvare lo spaventapasseri dalle fiamme. L’acqua è simbolo di purezza, trasparenza e nel battesimo o iniziazione viene utilizzata per lavare l’uomo dai suoi precedenti errori per permettergli di ripartire con cuore puro. La Strega dell’Ovest non può, quindi, che rappresentare un aspetto della nostra personalità che va affrontato e sconfitto con attegiamento puro.
Sconfitta la strega gli amici tornano dal mago portandogli la scopa ed il Mago di Oz (ego) non può fare a meno di ammettere la propria impotenza nella realizzazione dei desideri. Riesce a dimostrare che lo spaventapasseri, l’uomo di latta e il leone possedevano già ciò che desideravano ed offre a Dorothy di darle un passaggio in mongolfiera per tornare nella sua città in Kansas ma mentre la mongolfiera sta partendo Dorothy segue il suo cagnolino che, a sua volta, insegue un gatto e il Mago di Oz parte da solo. L’ego rappresentato nella storia dal Mago di Oz non deve essere allontanato o cacciato ma va via da solo nel momento in cui avviene nell’uomo la presa di coscienza delle proprie potenzialità e si usa una nuova misura per dare valore alle proprie esperienze.
Glinda, Strega buona del Nord, rivela a Dorothy che le scarpe che indossa, appartenuta alla Strega cattiva dell’Est, possono esaudire qualsiasi suo desiderio. Dorothy, quindi, torna a casa svegliandosi nel suo letto a raccontando a tutti la sua storia, alla quale però nessuno crederà.

La strega cattiva dell’Est viene uccisa all’inizio quando le piomba addosso la casa di Dorothy grazie al ciclone. L’Est rappresenta il luogo della Luce, dell’Illuminazione, del Sapere Assoluto, quindi cominciando il viaggio (esistenza) nel Regno di Oz si abbandona una condizione favorevole, di saggezza che si ritroverà alla fine del percorso.

Dorothy, dal greco doron significa regalo, dono e rappresenta la vita.
La Città di Smeraldo capitale del Regno di Oz, e quindi simbolicamente del
luogo della coscienza, rappresenta il luogo della rigenerazione dove la coscienza rielaborando le esperienze può arricchirsi (verde dello smeraldo = dollaro). Lo smeraldo è un berillo simbolo di amore, prosperità, pace amore. Nella cristalloterapia si attribuisce allo smeraldo il potere di dare la forza di andare avanti superando le paure dei propri limiti e di rafforzare il centro del cuore per donare abbondanza, crescita spirituale, pace, armonia, amore, pazienza, fedeltà ed onestà.
Dorothy all’inizio del film canta “Over the Rainbow” immaginando di trovarsi da qualche parte oltre l’arco-baleno, simbolo di ponte tra l’uomo e Dio, il materialismo e la perfezione spirituale.

Riprendendo il simbolismo della storia a cui si ispira, questo blog vuole offrire spunti, occasioni di conoscenza, riflessione su delle tematiche particolari che si legano principalmente con la psiche e l’animo umano.
Speriamo che le letture che vi proporremo possano essere di vostro gradimento e che possano essere utili a rimettere in discussione i pesi che utilizziamo per misurare le nostre esperienze, augurandoci una rigenerazione delle coscienze che possa condurci verso un’esistenza più armoniosa.

One thought on “Il simbolismo de Il Mago di Oz

  1. Fabrizio Angeloro ha detto:

    Davvero un articolo stimolante.
    A mio avviso e a mia iniziale interpretazione è balenata la figura di Dorothy come l’Anima (in effetti non separabile dal concetto di casa o coscienza come è stato egregiamente descritto) che, seguendo il SENTIERO DORATO (altro importante riferimento esoterico alla via di realizzazione alchemica dell’individuo) realizza, nel senso di presa di coscienza, il suo stato di meccanicità nei tre “corpi” Gurdjeffiani: corpo mentale (spaventapasseri), corpo emozionale/astrale (uomo di latta) e corpo fisico (leone). Questi tre, non appena compaiono nel cammino, sono infatti infelici dell’essere incapaci di “utilizzarsi”; anche qui ho notato la prima consapevolezza del sentirsi inconsapevoli… lo spaventapasseri infatti si lamenta di non avere un cervello e così via uomo di latta e leone. Il percorso giunge a termine quando Oz, ora identificabile come l’ego, ora anche come Dio (?) fa realizzare ad ognuno di essi che in realtà loro già possedevano le stesse qualità che cercavano: altro profondo insegnamento spirituale. Da qui, come già scritto, il ritorno a Casa dell’Anima Dorothy, o ritorno all’Uno dopo l’ingresso nella dualità per la consapevolezza dell’Unità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi