Home » Dal Mondo » Tunisia: naufragio, ecco cos’è successo

Tunisia: naufragio, ecco cos’è successo

Si è verificato in Tunisia un grave naufragio che ha portato al ritrovamento di 34 cadaveri. A quanto pare, per ora la maggior parte dei corpi appartengono a donne e 3 sono di bambini.

Cosa è accaduto

Per ora sono già 34 i cadaveri che sono stati ritrovati nella regione tunisina della Jebeniana, precisamente nel punto tra El Louza e Krateri, nell’Isola Kerkennah. A bordo della barca c’erano in totale 53 persone e a quanto pare tra i corpi rinvenuti, ci sono quelli di 22 donne e anche alcuni bambini.

A quanto pare a guidare il barcone c’era un tunisino originario di Sfax, ma anche il guidatore è stato ritrovato morto.

Per ora si stanno cercando gli altri dispersi.

La vicenda

Non si sa come sia avvenuto questo incidente, ma per ora i sommozzatori che fanno parte delle forze dell’ordine e la protezione civile stanno cercando di ritrovare gli altri corpi, mentre nel frattempo si cerca anche di ricostruire la dinamica e soprattutto la direzione che stava prendendo il barcone, anche se a quanto pare, secondo alcune fonti, sembrerebbe che fosse diretto verso l’Italia. Altre voci invece sostengono che il viaggio sia iniziato da Sfax, anche se per ora questo non è certo. Oltre a questo, c’è chi parla di circostanze misteriose e chi invece sostiene che il naufragio sia avvenuto a causa del mare grosso. L’unica informazione certa è che i 53 che si trovavano a bordo del barcone erano provenienti dalla regione meridionale del Sahara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi