Home » Comunicati » In 1000 in marcia a Matera per salvare l’acqua

In 1000 in marcia a Matera per salvare l’acqua

Grande successo la Marcia appulo-lucana Salva l’Acqua a Matera
Oltre 1000 partecipanti per ribadire la priorità  dell’acqua sul petrolio

Questa mattina alla Marcia Salva l’Acqua oltre 1000 persone, dei movimenti pugliesi e lucani, sono scese in piazza per gridare ai governatori di Puglia e Basilicata che senza il petrolio si vive, senza acqua No.

Mai come in questo momento l’acqua in Basilicata è in pericolo e questa consapevolezza aumenta sempre più anche in Puglia. Accanto ai manifestanti anche diversi sindaci pugliesi e lucani e la professoressa Albina Colella che da anni studia gli impatti del petrolio sul suolo e sull’acqua.
Da Matera parte il grido della popolazione di due regioni che vogliono difendere acqua e terra, per difendere anche il proprio futuro. L’economia del petrolio è  fallimentare sotto tutti punti di vista, soprattutto quando si mette a rischio il diritto umano all’acqua.

I governi di Basilicata e Puglia non possono più nascondersi dietro questa idea  illusoria di progresso.  Ad essa cittadini e realtà  associative hanno detto NO, per dire SI alla salute, all’ambiente, all’agricoltura, al turismo enogastronomico.
Al governo lucano si chiede
– di avviare la procedura per la chiusura definitiva del COVA,
– di disporre una moratoria sulle concessioni,
– di adoperarsi per la pubblicazione dello studio sul rischio sismico in Val d’ Agri ad oggi in possesso solo di Eni (commissionato da Eni all’INVG);
– di aprire l’interlocuzione con i territori sulla transizione energetica e di avviare seri monitoraggi ambientali,

– di rimuovere i dirigenti sotto processo per reati ambientali.

Al governo pugliese si chiede di sostenere i “colleghi” della basilicata nelle suddette azioni e di adottare provvedimenti concreti per la tutela delle acque dell’invaso del Pertusillo.

Ai cittadini ed alle realtà associative e politiche chiediamo di continuare a mantenere viva l’attenzione mediatica sul tema della qualità dell’acqua anche promuovendo incontri informativi e formativi nei rispettivi territori.

Perchè un bicchiere d’acqua vale più di 1000 barili di petrolio

Rete appulo-lucana SALVALACQUA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi