Home » Dal Mondo » Anonymous contro Trump: il gruppo mostra un documento accusatorio

Anonymous contro Trump: il gruppo mostra un documento accusatorio

Anonymous va anche contro Trump: dopo il video che i cyberattivisti hanno diffuso online, per far capire la loro opinione riguardo il caso Floyd, ora spunta anche un documento, che collegherebbe il Presidente americano a Epstein, l’imprenditore americano accusato di traffico di minori e morto in circostanze ancora non chiare, nell’agosto del 2019.

Anonymous contro Trump: cos’è successo

Anonymous non si ferma: il gruppo ha diffuso sul web prima un video in cui dichiarava che la polizia di Minneapolis è solita usare una violenza inaudita e inappropriata, tipica di un sistema corrotto, che deve essere eliminato, e poi ora fa spuntare un documento che accusa il Presidente americano Donald Trump. Come si vede nel nuovo video, a quanto pare il foglio dimostrerebbe che Trump è sempre stato in contatto con Epstein, l’imprenditore americano che era stato accusato e processato per traffico internazionale di minori e morto in carcere, anche se ancora non si chiarisce il motivo. Il tutto è avvenuto nello scorso agosto, nel 2019, eppure Anonymous mostra un documento che dimostrerebbe il legame tra Trump ed Epstein. Ovviamente non si può dimostrare l’ufficialità della documentazione, anche se ormai il web si è scatenato.

Anonymous e gli attacchi

Anonymous continua i suoi attacchi contro la polizia di Minneapolis, tanto che non solo ne ha anche oscurato il sito, rendendolo impossibile da utilizzare, ma ha anche invaso la radio della polizia, in cui venivano comunicati i crimini. L’unica cosa che si sente nella trasmittente è ormai una canzoncina che ripete “Fuck the police”. Nell’ultimo video inoltre il gruppo ha ripetuto come solo nell’ultimo anno, siano state uccise a Minneapolis dai poliziotti ben 193 persone. Quello di Floyd è quindi solo uno dei gravissimi casi di uccisioni che ci sono stati, da parte degli agenti. Insomma, se prima le proteste sono nate tra le strade americane, ora ce n’è una molta più ampia, che invade anche il web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi