Home » Politica » Bologna dimentica l’Emergenza Climatica

Bologna dimentica l’Emergenza Climatica

Era il 2 ottobre del 2019 quando il consiglio comunale di Bologna ha dichiarato lo stato di emergenza climatica. Il provvedimento prevedeva il raggiungimento di emissioni 0 entro il 2030 ed il dimezzamento delle emissioni entro il 2025. Inoltre disincentivi per aziende inquinanti e rimboschimento. Assemblee cittadine per un coinvolgimento popolare nella macchina decisionale politica.

Cento giorni a partire dal 2 ottobre per elaborare un piano per realizzare tutti questi obiettivi ambiziosi proposti dalle organizzazioni ambientaliste locali, in particolare Extinction Rebellion.

Scaduti i cento giorni gli attivisti tornano a manifestare a Bologna insieme a comitati e collettivi per ricordare al Sindaco Merola e all’amministrazione comunale gli impegni presi.

Ad un mese dalla scadenza, al Consiglio Comunale del 10 febbraio, gli attivisti sono presenti con cartelli. La seduta viena sospesa e i capigruppo e l’assessore all’ambiente Orioli incontrano gli attivisti.

L’amministrazione comunale di Bologna ed il suo Sindaco Virginio Merola non mantengono gli impegni presi e non sanno dare risposte a riguardo. Prima adottano un provvedimento coraggioso e ambizioso e poi non preparano la Road Map, fondamentale per tracciare il percorso per raggiungere gli obiettivi.

Sembra che il tema dei cambiamenti climatici non interessino piú o che non si abbia abbastanza coraggio per tradurre un impegno in azioni concrete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi