Commando CULOTTE: il fumetto sulla discriminazione di genere

Copertina

Commando Culotte: Scorribande di genere nell’intimo della cultura pop

Trama di Commando CULOTTE

Commando Culotte, o come scardinare a fumetti il sessismo del cinema e delle serie tv. Grazie al tratto irriverente e all’ironia spiazzante di Mirion Malle, rilassarsi davanti a una commedia romantica o fare un’abbuffata di episodi di “Game of Thrones” può rivelarsi un’occasione inattesa per mettere al tappeto i luoghi comuni che infestano i nostri schermi e plasmano le nostre vite. Come sono rappresentate le donne nelle superproduzioni americane? Di che cosa parliamo quando parliamo di cultura dello stupro? Chi vince tra Barbie e He-Man? Capitolo dopo capitolo, questo commando scrive una nuova, originale pagina di femminismo contemporaneo con armi semplici ma sfavillanti: solidarietà femminile, inclusività e uno sguardo libero che non teme di essere sfrontato.

Autore di Commando CULOTTE

Mirion Malle (1992) è una fumettista e illustratrice francese. Si è specializzata in sociologia e studi femministi a Montréal, dove oggi vive e lavora. Con il blog Commando Culotte ha reso disponibile a un vasto pubblico le sue implacabili analisi dei pregiudizi e delle discriminazioni di genere nella cultura pop. Finalista al Prix Jeunesse del festival del fumetto di Angoulême 2020, ama i dialoghi ben scritti, gli anni 2005-2009 e la tristezza.

Accurata analisi dei media attraverso il genere

Commando Culotte è un fumetto molto curato nei dettagli, gli argomenti sono ben studiati e documentati, per questo richiede tempo per analizzarli. Nonostante i temi seri, l’autore li espone in maniera ironica alleggerendo di molto la lettura. Viene fatta un’accurata analisi dei film e delle serie TV, cioè mostrando le norme dannose della società trasmesse nei media in una forma facilmente comprensibile al lettore. I termini complicati vengono spiegati senza utilizzare frasi di difficile comprensione. L’analisi di film e altri media televisivi viene fatta attraverso la chiave del genere, perché è un concetto che non deve essere ignorato nella nostra società. La rappresentanza delle donne e delle minoranze viene presa in considerazione dall’autore e messa in primo piano.

Cosa non mi è piaciuto?

Secondo l’autore, una serie TV che non ha il 50% di persone non bianche è discriminante nella nostra epoca, cioè indipendentemente dal tema o dal soggetto della serie. Condivido il suo pensiero che afferma che le donne e i non bianchi sono poco (o male) rappresentati dalla TV e bisogna cambiare questo fatto, ma dire che non va bene se non c’è una parità perfetta in qualsiasi film e serie lo trovo esagerato. Per quanto riguarda i disegni del fumetto: sono buffi, carini e divertenti, sono adatti al contesto.

A chi lo consiglio?

Questo fumetto lo consiglio a chi vuole leggere un’opera divertente di denuncia, poiché mostra le discriminazioni di genere sui film e le serie TV in maniera ironica ma senza rendere pesante il discorso. Un modo originale per spiegare concetti importanti tramite vignette.

Arianna e Barbara. Divoratrici di libri e gattare.
Leggiamo fantasy, romance, thriller, narrativa, gialli, avventura, librigame.
Romantiche inguaribili, sempre nel mondo del fantastico.
Prescriviamo romanzi e giochiamo con i libri.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

“Il libro delle cose nascoste” di F. Dimitri

Prossimo articolo

Le streghe di Albisola ne “La Barrantana” di Mirko Micheletti

Ultimi articoli di Gender gap

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi