Giustizia climatica e giustizia sociale: intervista a Asad Rehman

/

Articolo del giornale RFI scritto da Géraud Bosman-Delzons e tradotto dal francese.

Impegnato da quasi vent’anni nei movimenti per la giustizia climatica, il britannico Asad Rehman è una figura nella galassia dei movimenti ambientalisti anglosassoni. Dirige la ONG War on Want – fighting poverty and injustice, creata nel 1951. Oggi, a Sharm el-Sheikh dove si sta svolgendo la COP27, è stato al fianco della sorella di Alaa Abdel Fattah, nell’ambito della campagna di sostegno all’egiziano attivista. Per lui la lotta per il clima non è solo questione di carbonio e orsi polari.

Al di là del fatto che Alaa è cittadino del paese ospitante della COP, il che fa luce sulla sua situazione, in che modo il suo caso è una questione di giustizia climatica?

Alaa incarna, non solo in Egitto, ma in tutto il mondo, il fatto che i difensori dei diritti umani e quelli della causa climatica vengono criminalizzati, imprigionati e uccisi. Due difensori ambientali vengono uccisi in tutto il mondo ogni settimana.

sostieni

Il termine giustizia climatica nasce dalla storia delle lotte dei movimenti del Sud e dei movimenti per la giustizia ambientale del Nord. Tutti hanno capito che la crisi climatica non riguardava solo il carbonio, ma era una crisi strutturale che si manifesta in modi diversi. Non solo esprime le ingiustizie e le disuguaglianze già esistenti, ma le accentua. Man mano che le cose peggioravano, questi movimenti hanno notato che le persone le cui case erano state distrutte, che non avevano risorse regolari su cui vivere, che non avevano reti di sicurezza, né servizi pubblici, erano anche le più vulnerabili ai cambiamenti climatici. E più chiedevano diritti, per nutrirsi o porre fine alla povertà, più i governi diventavano repressivi. Quindi i diritti umani sono un elemento strutturante nella lotta al cambiamento climatico. Perché uno dei diritti più elementari è vivere con dignità.

Più di 100 capi di Stato si sono appena parlati per due giorni. Hai ascoltato i discorsi? È ancora “ bla-bla-bla ” secondo te?

Le parole sono a buon mercato! Vedremo ora cosa si deciderà concretamente in queste due settimane. Bisogna capire che questi negoziati sul clima sono uno spazio di confronto tra i paesi più potenti del mondo e quelli senza potere, tra coloro che hanno beneficiato di un sistema economico, non solo liberale o capitalista, ma derivato dal colonialismo.

Quando sono arrivato in questi spazi per il clima, parecchi anni fa, le discussioni ruotavano attorno agli orsi polari, si parlava di carbonio. Oggi i capi di governo usano il termine “giustizia climatica”. C’è il primo ministro delle Barbados che dice che non permetteranno che il colonialismo si ripeta attraverso la giustizia climatica, il Pakistan inondato che usa la parola ricostruzioni. Tutto questo dimostra che abbiamo fatto molta strada. Il fatto che i paesi ricchi non possano più ignorare la richiesta di “perdite e danni”, come fanno da 30 anni, mostra anche che la pressione su di loro ha funzionato.

Eri al centro della scena a Glasgow con la COP26 Coalition che hai co-fondato, che ha riunito vari attori della società civile. Qual è la tua valutazione dell’ultimo anno?

Dagli Stati Uniti, non vedo l’azione di cui abbiamo bisogno che arrivi. Ma vediamo sempre più persone collegare gli anelli di una catena, capire il prezzo che sta costando loro il cambiamento climatico, rendersi conto che non è solo una crisi energetica, che è una crisi delle energie fossili e chiedere alternative per garantire un vita più sana e sostenibile.

Poco prima della COP26 di Glasgow, i rapporti dell’IPCC avvertivano che l’umanità era sul filo del rasoio. Poco prima di questa COP, i rapporti affermano che stiamo per allontanarci dall’obiettivo di 1,5°C [di riscaldamento, previsto dall’accordo di Parigi]. I Paesi, soprattutto quelli ricchi, dicono che prendono sul serio la crisi climatica e che durante l’anno hanno infatti tutti aumentato il consumo di petrolio e gas mentre stringono accordi con dei Paesi del Sud per fermare l’estrazione, e che non hanno ancora pagato le somme previste dall’accordo.

Ricordi qualcosa di positivo?

Almeno oggi, abbiamo all’ordine del giorno “perdite e danni” . Abbiamo visto finalmente i paesi in via di sviluppo parlare una volta per chiedere la creazione di un meccanismo finanziario. E abbiamo una società civile sempre più mobilitata dietro richieste intersezionali di giustizia e clima. Mi dà speranza.

Dici di essere stato influenzato dai movimenti sociali del sud. In che cosa differisce al Nord, che tuttavia tende agli stessi obiettivi di riduzione dell’effetto serra? 

Al Nord c’è sempre stato questo lusso di vedere i problemi in isolamento, di vedere il cambiamento climatico come un problema separato da quello della povertà e della disuguaglianza, di poter combattere tasse e mercati pur avendo cibo a sufficienza. Ma i movimenti, al Sud, sono costretti a vedere le cose in modo intersezionale: le ingiustizie si intrecciano, la realtà stessa della vita delle persone è intersezionale. Le lenti non possono più essere viste attraverso una singola lente del cannocchiale. Sempre più movimenti capiscono la necessità di questo approccio, l’unico modo per ottenere il cambiamento che vogliamo.

Pensi che dobbiamo vivere la crisi climatica per poterla combattere?

Non la penso così. Anni fa, ho sentito i governi di queste COP dire cose del tipo: “ Quando gli Stati Uniti e l’Europa affronteranno i disastri climatici, risponderanno.  Ma lo affrontano e non fanno nulla. La crisi non significa necessariamente che il cambiamento sarà positivo. Ciò che lo rende positivo è chiederci se abbiamo le idee, le politiche, se costruiamo potere attorno ad esse garantendo che questa trasformazione sia equa. Certo è che lo sconvolgimento climatico apre gli occhi a sempre più persone, è molto bello. La consapevolezza è fondamentale. Ma poi la domanda è: cosa ne facciamo? Questa è la battaglia che non abbiamo ancora vinto al Nord.

La lotta ecologica tende a volte a diventare più radicale, attraverso la disobbedienza civile. Non solo oggi, è una costante storica dei movimenti per l’ambiente. Le tue osservazioni e posizioni possono essere viste come piuttosto radicali. Cosa ne pensi dei metodi di disobbedienza civile? Partecipi a queste iniziative?

Il cambiamento non è mai stato permesso senza una parte della disobbedienza civile, le persone che scendono in piazza, le persone che chiedono il diritto all’unione, il diritto di voto, la fine della schiavitù, del colonialismo. Perché gli scienziati si incatenano e vengono arrestati? Questo perché per anni hanno avvertito, ma non sono stati ascoltati. Ora sono costretti a lasciare i loro laboratori e scendere in piazza. È considerevole. Se sveglia le persone, se mostra loro l’urgenza di agire, allora sono favorevole alla disobbedienza civile. È il pezzo di un puzzle, quello dell’evoluzione dei nostri movimenti. Anche al Nord vogliono limitare il diritto di manifestare e gli strumenti di protesta…

Per esempio ?

Nel mio paese, nel Regno Unito! Se una protesta fa rumore, può essere dichiarata illegale… Dicono di prendere di mira gli attivisti ambientali, ma in realtà criminalizzano e riducono il diritto fondamentale alla protesta.

Come è nato il tuo impegno per la giustizia sociale in generale, e poi per la giustizia climatica?

Vengo dal movimento antirazzista, in un’epoca in cui eravamo soggetti a violenti attacchi fascisti e omicidi razzisti. Sono cresciuto nel nord dell’Inghilterra, in una zona dove l’estrema destra era molto forte. La mia casa è stata bruciata, siamo stati attaccati nella nostra casa, nelle strade, a scuola. Abbiamo dovuto difenderci nelle nostre comunità. Mi sono sempre schierato dalla parte di chi dice che la causa è la violenza di stato, questa violenza che lascia le persone senza speranza e nella miseria. Le persone muoiono a causa delle disuguaglianze nel mondo, le persone stanno annegando nel Mediterraneo.

Unendomi a questi movimenti antirazzisti, ho imparato presto che il potere non è nell’io, è nel noi e che ciò che ci accade, accade ad altri in altre parti del mondo, e che dobbiamo mettere insieme le lotte. Eravamo internazionalisti, perché il razzismo è internazionale. Avendo lavorato su razzismo, diritti umani, crisi della globalizzazione, ho subito capito che il cambiamento climatico avrebbe reso tutte queste battaglie ancora più difficili. Ho anche capito che se lasciassimo la lotta per il clima ai movimenti ambientalisti che definirei “mainstream”, essi avrebbero solo una visione ristretta del clima, mentre la causa climatica consiglia di mettere sul tavolo la dimensione economica, sociale, la razziale.

I movimenti che storicamente hanno spinto maggiormente queste dimensioni erano comprensibilmente per lo più neri, di razza mista, della classe operaia, poveri, rispetto ai movimenti ambientalisti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Il concetto di giustizia climatica è emerso negli anni ’90 e la conferenza sulla giustizia climatica nel 2002 ha stabilito i principi. La COP di Bali [nel 2007] ha segnato il momento in cui i movimenti per la giustizia climatica si sono formalmente staccati dall’ambientalismo tradizionale e si sono affermati come una vera rete.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Una storia collettiva ricordi di compagne e compagni antifascisti

Prossimo articolo

Claudio Venza ricordato e salutato dal Gruppo Anarchico Germinal

Ultimi articoli di Crisi ambientale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi