Il realismo fantastico nel romanzo “Anita” di Maria Franzè

Di recente pubblicazione, “Anita”, l’ultimo romanzo di Maria Franzè, una storia intrisa di crudo realismo e di sogni a lungo inseguiti e realizzati errando in Brasile, Italia, Francia e Palestina

Il romanzo Anita di Maria Franzè, pubblicato due settimane fa da Masciulli editore, è un affresco di drammi, violenze, rivolte, fughe, crisi esistenziali e sociali; di amori lirici e di passioni travolgenti.

Un intreccio di storie entro cui, insieme ad Anita, agiscono la madre Tina e la nonna Assunta, il padre Karl, le amiche Lucia e Melissa, i compagni Pier Giorgio e Victor e altri personaggi che affiorano in trame trasversali.

La protagonista, dotata di un’indole caparbia e profonda, dopo ogni caduta troverà sempre la forza e il coraggio per ricominciare. Ha la capacità di toccare il fango senza sporcarsi mai le mani.

La sua esistenza è un vaso di Pandora in cui orrido e sublime coesistono.

Anita è inseguita da vicende cangianti, mutevoli, contraddittorie, ombrose e colorate che ripercorrono fenomeni distanti nello spazio, nel tempo e nella storia politica – la seconda guerra e il nazifascismo, il conflitto israeliano-palestinese fino all’intifada del 1987, l’avvento della dittatura militare in Brasile e la sua caduta nell’’84, il Sessantotto e gli strascichi nei Centri sociali di una Milano contigua a quella “da bere”, dell’alta moda, del craxismo, degli yuppies e poi di Tangentopoli, l’orientalismo e le vie di fuga nell’esotismo dell’India.

Un romanzo in cui ognuno può riconoscere frangenti del proprio vissuto personale, familiare, esistenziale.

Il libro è corredato di un’approfondita Prefazione a firma di Mauro Geraci (antropologo culturale e cantastorie).

Anita si compone di 235 pagine ed è in vendita al costo di 15 euro. Maggiori informazioni sul sito di Masciulli Edizioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Le streghe di Albisola ne “La Barrantana” di Mirko Micheletti

Prossimo articolo

“Noi” – romanzo distopico del russo Evgenij Zamjátin

Ultimi articoli di Arte e Cultura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi