L’alba è una piccola condanna (una mia poesiola insulsa e sentimentale)…

L’alba è una piccola condanna,

ma non ne facciamo un dramma. 

Tu ritornerai alla tua vita.

sostieni

Io sarò di nuovo solo. 

Io ti ho chiesto: a quanta solitudine

deve arrivare un uomo? 

Ma tu non hai risposto,

evitando il mio sguardo. 

Mi hai detto che dovevo  rispettare

la tua scelta e che dovevo ritenermi fortunato

per quello che era  accaduto. 

Ho capito che ogni parola era inutile. 

Ho capito che non eravamo nello stesso labirinto

o che per noi due insieme non c’era via di uscita. 

Mi hai detto che non potevo  rubarti la giovinezza. 

Poi mi hai accompagnato sulla tua soglia

e mi hai dato l’addio.

Niente di strano. Succede a tanti.

Succede a tutti, prima o poi,

di essere lasciati su una soglia qualsiasi. 

Mi hai detto che non puoi fermarti con me,

che tu vuoi un uomo bello e vero

(uno che non supplica), 

che questa notte è stata un errore,

che tu non sei ancora alla metà del tuo cammino.

È la fine di una storia mai nata,

di un’avventura appena assaporata. 

Siamo stati un tentativo non riuscito.

Ho combattuto dentro me.

Hai combattuto dentro te. 

Ci siamo combattuti tra noi.

Quindi il congedo definitivo.

L’ho saputo casualmente. 

Casualmente mi sono imbattuto nella notizia. 

Eri così piena di vita.

A volte ti penso e ti ricordo. 

Adesso che è passato tanto tempo

sei solo un vago ricordo nell’indistinto.

I particolari sono stati persi per sempre.

A volte mi immagino che in una dimensione parallela

la nostra unica notte è eterna,

ma poi mi rendo conto che è solo una fesseria. 

Io sono solo come sempre. 

Ho perso capelli e denti.

Gioco ancora con le parole:

è ancora il mio passatempo preferito.

Qui c’è la guerra e la crisi; la gente cova rabbia e disperazione;

forse hai fatto bene tu: io vado avanti solo per inerzia,

per scommessa, per curiosità,  per vedere come andrà a finire. 

Mi chiedo dove tu sia e se tu esista ancora

in qualche luogo, in qualche tempo  e in qualche modo. 

Cerco un senso e non lo trovo.

A volte nel cuore della notte ti sogno,

ma il sogno svanisce presto e cade subito nell’oblio. 

Mentre passeggio da solo la mattina presto

senza accorgermene mi capita di sussurrare il tuo nome.

L’alba è una piccola condanna,

ma non ne facciamo un dramma.

Mi hai detto che non puoi fermarti con me,

che tu vuoi un uomo bello e vero

(uno che non supplica),

che questa notte è stata un errore,

che tu non sei ancora alla metà del cammino.

A volte mi immagino che in una dimensione parallela

la nostra unica notte è eterna,

ma poi mi rendo conto che è solo una fesseria. 

Ho capito che ogni parola era inutile. 

Ho capito che non eravamo nello stesso labirinto

o che per noi due insieme non c’era via di uscita. 

L’alba è una piccola condanna, 

ma non ne facciamo un dramma. 

Nato nel 1972 a Pontedera. Laureato in psicologia. Collaboratore di testate giornalistiche online, blog culturali, riviste letterarie. Si muove tra il pensiero libertario di B.Russell, di Chomsky, le idee liberali di Popper ed è per un'etica laica. Soprattutto un libero pensatore indipendente e naturalmente apartitico. All'atto pratico disoccupato.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sull’autobiografia e soprattutto sul raccontare la propria storia…

Prossimo articolo

Il governo iraniano attacca le città ribelli e spara sui civili

Ultimi articoli di Autori emergenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi