Dal vivo

Le proteste di studenti ed operai in Iran contro il regime

L’esecuzione di prigionieri in Belucistan

Solo oggi sono state giustiziate 7 persone di una stessa famiglia detenute nel carcere centrale del Belucistan. Dall’inizio del 2022 il regime ha giustiziato 135 cittadini beluci. I detenuti beluci vengono giustiziati segretamente all’interno delle carceri per non adirare la popolazione. Si tratta di una minoranza iraniana in gran parte di fede sunnita.

Celebrità e atleti iraniani supportano le proteste

Sono numerose ormai le celebrità iraniane che portano la loro solidarietà e il loro sostegno alla proteste. Tra queste Katayoun Riahi, attrice iraniana arrestata dal regime. Il loro supporto è fondamentale per incoraggiare le proteste anche se non costituiscono il nucleo centrale della popolazione in rivolta.

Operai e studenti protestano

Gli studenti della Shahid Beheshti University nella capitale Teheran hanno protestato contro la sospensione di professori che avevano supportato gli studenti nelle loro manifestazioni. In particolare il professore di lingua e letteratura persiana Mohammad Ragheb è stato licenziato.

sostieni
le proteste di studenti

Nella più grande fonderia del paese, a Esfahan, 4000 lavoratori sono in sciopero e hanno fermato il lavoro nella fabbrica. Agli operai si sono uniti gli studenti dell’Università di Tecnologia della stessa città.

le proteste di studenti

Il rapper Toomaj Salehi rischia l’esecuzione

Il rapper Toomaj Salehi è stato arrestato il 30 ottobre e tenuto in isolamento. Non può ricevere chiamate e visite dall’esterno del carcere. Il regime lo accusa di inimicizia con Dio, in realtà ha scritto brani che denunciano le ingiustizie messe in atto dalla Repubblica Islamica. Rischia l’esecuzione.

Arrestato il professore universitario Behrouz Chamanara

Il dottor Behrouz Chamanara, uno dei professori dell’Università del Kurdistan a Sanandaj, è stato arrestato il 25 novembre e non si sa più nulla di lui.

Secondo l’Organizzazione Hegaw per i diritti umani, il dottor Behrouz Chamanara di Ilam, uno dei professori del Dipartimento di lingua e letteratura curda dell’Università del Kurdistan nonché ex capo del Kurdistan Research Institute, è stato arrestato dalle forze di sicurezza al rientro da un incontro con il rettore dell’università a mezzogiorno di venerdì 25 novembre 2022.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il canto popolare delle donne nella ricerca di Alice Mammola

Prossimo articolo

Lettera a un fumatore o a una fumatrice…

Ultimi articoli di Dal mondo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi