L’elzeviro di Giovanni Comisso

Pubblicazione in tiratura limitata di uno scritto dal tono leggero di Giovanni Comisso sugli elzeviri. Con la postfazione di Pierluigi Panza.

Giovanni Comisso

Giovanni Comisso è stato uno scrittore italiano nato a Treviso nel 1895 e morto a Treviso nel 1969. Ha avuto l’onore di scrivere elzeviri per il Corriere della Sera. Scrive per i maggiori quotidiani italiani del periodo. La Gazzetta del Popolo, Il Messaggero, La Stampa, Il Gazzettino, Il Giornale, La Nazione e il Corriere della sera.

Tra i romanzi di maggiore successo Il porto dell’amore (1924), Gente di mare (1928), Giorni di guerra (1930) romanzo in cui narra l’orrore della Prima Guerra Mondiale a cui ha partecipato, ma anche gli entusiasmi giovanili.

L’elzeviro

L’elzeviro è un articolo giornalistico di terza pagina. Solitamente ne veniva affidata la scrittura a scrittori affermati e premiati tra cui Eugenio Montale, Indro Montanelli ed Emilio Cecchi. Si tratta di un articolo di critica letteraria o artistica, ma poteva essere anche un racconto sui costumi sociali. Quelli che Giovanni Comisso raccontava nei sui viaggi in Oriente e in Africa. La caratteristica di questo scritto era lo stile elevato, elegante, autorevole.

sostieni

L’elzeviro di Giovanni Comisso

In questo breve scritto, Giovanni Comisso, con tono leggero, descrive il lavoro di deve preparare gli elzeviri per i giornali. Ci spiega molto bene che allora scrivere elzeviri fosse praticamente l’unica possibilità, per uno scrittore o un giornalista, di ricevere una paga puntuale e dignitosa.

D’altro canto ce ne parla come un lavoro triste e noioso, “un supplizio”. Secondo Comisso i suoi, ma anche gli altri elzeviri, non sono scritti di qualità perché plasmati su una ricetta troppo chiara e definita. Li paragona con gli scritti di autori emergenti dell’epoca, che svolgevano lavori umili per mestiere e di cui curava la pubblicazione per Longanesi. Elogia questi giovani scrittori che riescono a produrre scritti con incipit e finali migliori dei più bravi elziviristi.

Si tratta di una pubblicazione interessante per gli appassionati di giornalismo e per i collezionisti.

De Piante Editore

Interessante è la proposta editoriale di De Piante Editore che propone opere di scrittori di fama mondiale come Julio Cortázar, Dorothy Parker, Emily Dickinson con copertine molto curate.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Teheran brucia: la rivoluzione iraniana delle donne

Prossimo articolo

“Isole dell’abbandono – Vita nel paesaggio post-umano” di Cal Flyn

Ultimi articoli di Recensioni libri

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi