Ordinanza sindaco di Messina: il Ministero degli Interni chiede l’annullamento

La ministra degli Interni Luciana Lamorgese ha chiesto chiaramente l’annullamento dell’ordinanza di De Luca, sindaco di Messina. La sua decisione è stata messa in pratica a partire dalla mezzanotte scattata tra il 7 aprile 2020 e l’8 aprile e riguarda la limitazione degli spostamenti effettuati a Messina.

Lamorgese chiede l’annullamento dell’ordinanza di De Luca

Negli ultimi giorni il sindaco di Messina De Luca aveva stabilito un’ordinanza che mirasse a limitare gli spostamenti attraverso Messina e lo Stretto. Tale limitazione prevedeva che chiunque avesse necessità di spostarsi, dovesse registrarsi ben 48 ore prima su un’apposita piattaforma online, dichiarando minuziosamente tutti i possibili dati personali utili per la propria identificazione.

Tale decisione non è piaciuta alla ministra degli Interni Lamorgese, che ha dichiarato di voler annullare l’ordinanza del sindaco di Messina in quanto secondo il Ministero, si deve cercare di essere il più uniformi possibili con le altre regioni e cercare di mantenere ordinanze che siano simili tra loro, non di gran lunga differenti da regione a regione.

La risposta

Ormai l’ordinanza è già in vigore, ma il Ministero si sta muovendo per farla annullare e intanto De Luca ha dichiarato che sta elaborando una risposta. Le sue decisioni erano state prese al fine di limitare il più possibile gli spostamenti e proteggere gli abitanti di Messina dalla possibilità di contrarre il virus. Il problema però è che ormai è entrato in circolo anche una sorta di “gioco di potere” ed è sempre più acceso lo scontro tra Lamorgese e De Luca.

Se hai apprezzato questo articolo

Iscriviti

Adesso

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere un aggiornamento mensile sugli ultimi articoli e approfondimenti.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA, Associazioni e Movimenti si rivolgono al Governo

Prossimo articolo

Disoccupati e altre categorie a lavorare nei campi: l’assurda proposta di Italia Viva

Ultimi articoli di Controinformazione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi