Home » Recensioni libri » L’adolescenza nel libro “Tutto chiuso tranne il cielo”

L’adolescenza nel libro “Tutto chiuso tranne il cielo”

Julian è un diciannovenne esile e pallido, la sua anima è azzurra come la sua chioma. Mangia pochissimo, ha sempre in mano il cellulare, ma sente e osserva ogni cosa. Abbraccia tutti, poi scappa. Se permettesse a qualcuno di toccarlo davvero si troverebbe a dover affrontare sentimenti dai quali ha preso una distanza di quasi 10.000 chilometri: quelli che separano Milano da Tokyo. Dopo un anno trascorso in Giappone è proprio a Milano, il luogo della sua ferita originale, che Julian sta tornando. Una città in cui tutto è chiuso tranne il cielo.

Julian e l’estate milanese

Nella torrida estate milanese, in cui tutto è chiuso tranne il cielo, rientrato dopo un anno studio a Tokio, Julian rivivrà traumi non ricomposti in una spirale che lo porteranno vicino al dissolvimento.

Con questo romanzo sono andato in territori per me incogniti: una storia contemporanea – siamo nel 2016 – che parla di adolescenti in modo originale.

L’adolescenza contemporanea

Mi ha colpito l’originalità con cui viene raccontata l’adolescenza.
Io ho il doppio degli anni della maggior parte dei personaggi e un po’ fatico a ricordarli, quei miei 20 anni.
Quello che mi è chiaro però è la resa narrativa di una profonda differenza. E non è una questione qualitativa o quantitativa.

“Pazzesco. Io ero un povero coglione, a diciannove anni. Hai una consapevolezza che mi fa paura. Ce l’avete quasi tutti, in verità. Noi eravamo tuberi, rispetto a voi. Inconsapevoli, innocenti, timorati tuberi. Tutto merito di internet, anche se devo dire che ringrazio di averla scampata. Forse è meglio essere tuberi, finché si può.” Già.

Analogico/digitale: rivoluzione?

Ma non tutto è ascrivibile al passaggio analogico/digitale seppur stiano attaccati ai device e sui social di continuo.
Non per cercare un rifugio, una fuga dalla realtà o come forma di dipendenza. Piuttosto come un dato acquisito. Un elemento che c’è.
Questo non significa superficialità nei rapporti o nei sentimenti.

Adolescenza e corpo

Anche il rapporto dei personaggi con il proprio corpo mi ha colpito.
Mentre “appare” su youtube, twitch o istagram, il corpo “scompare” dal protagonista quasi a smaterializzarsi. Il corpo e la fisicità – sessualità compresa – sembrano siano un impaccio. Lo stesso rapporto complicato col cibo lo sottolinea. Lo stesso corpo e cibo che possono essere una ripartenza.

Una scrittura per sottrazione

La scomparsa del corpo, la sua sottrazione è anche quella della scrittura. Agile, elastica, ma quando serve robusta o affilata pur rimanendo leggera.

Conclusioni di tutto è chiuso tranne il cielo

Bella esperienza di lettura, nata dalla curiosità dopo aver letto un racconto dell’autrice presente nella raccolta Manifesto edita da Fandango.

Autrice

/https://www.librimondadori.it/autore/eleonora-c-caruso/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

  • sostieni
Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi