Home » Dal Mondo » Usa: afroamericano fermato muore. Licenziati gli agenti

Usa: afroamericano fermato muore. Licenziati gli agenti

Negli Stati Uniti nella notte tra lunedì 25 maggio e martedì 26 maggio 2020 si è verificato, precisamente a Minneapolis, un episodio di inaudita violenza che due agenti di polizia hanno scatenato contro un afroamericanoNel video, realizzato da un passate, si vede chiaramente un agente mettere il ginocchio sul petto dell’uomo, fino a farlo soffocare e ucciderlo. I due sono stati prontamente licenziati e ora sul caso indaga l’FBI.

Usa: violenza inaudita contro afroamericano

Due agenti americani, a Minneapolis, nel Minnesota, hanno fermato un cittadino afroamericano, ma il video che li ritrae, che è stato realizzato da un passante, mostra chiaramente che hanno utilizzato una violenza eccessiva, uccidendo George Floyd, l’uomo di 50 anni che avevano bloccato. Nelle immagini si vede bene che uno dei due teneva un ginocchio sul petto del cittadino, fino a non farlo più respirare. Nonostante quest’ultimo avesse più volte scongiurato l’agente dicendo “Non respiro, sto soffocando, ti prego non uccidermi”, il poliziotto lo ha ucciso. Quello che è stato indicato come un episodio di “incidente medico”, in realtà potrebbe costare molto più che il licenziamento, ai due poliziotti.

Le testimonianze

Non esiste un solo video della vicenda, ma sono diversi i passati che hanno provato a riprendere quelle immagini. Tutti mostrano gli stessi dettagli: il poliziotto che uccide l’uomo, senza minimamente sentire quello che sta dicendo, quanto li stia pregando di non ucciderlo. I testimoni oculari che sono stati intervistati hanno dichiarato di essere stati letteralmente indignati dal comportamento dei due agenti. Floyd era stato accusato di essere sotto effetto di droga e ha pagato tutto questo ad un prezzo eccessivo. I due poliziotti smentiscono, ma per ora sono stati solo licenziati, nulla di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

Follow us on Social Media

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi